BEHEADED – Only Death Can Save You

Pubblicato il 18/06/2019 da
voto
7.5
  • Band: BEHEADED
  • Durata: 00:38:10
  • Disponibile dal: 14/06/2019
  • Etichetta: Agonia Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo aver convinto unanimemente pubblico e critica con il notevole “Beast Incarnate”, i Beheaded tornano sul mercato a due anni di distanza dalla suddetta prova discografica forti di un nuovo contratto (per Agonia Records) e di un lotto di brani inediti che ne ribadisce lo stato di forma e salute. Mai era trascorso così poco tempo fra un disco e l’altro della band di origine maltese, di fatto diventata internazionale grazie all’innesto dei ‘nostri’ Davide Billa e Simone Brigo, e non occorre più di mezzo ascolto per accorgersi di come “Only Death Can Save You” sia l’emblema dell’istintività e della confidenza acquisite nell’ultimo periodo.
Una scorribanda armata che, senza mai allontanarsi dai sentieri di un death metal tecnico, nervoso e brutale, parimenti ispirato alla scuola dei Nineties e a quella dei primi anni 2000, ne restituisce una visione fresca e stimolante, concentrando i propri sforzi nell’imbastitura di autentiche canzoni, ordinate e memorizzabili. Rispetto all’album del 2017, il quale faceva della varietà stilistica e di una sottile epicità i cardini di rotazione della tracklist, l’ultimo arrivato si configura come un’opera più diretta e compatta, dando l’impressione di voler falcidiare tutto e tutti senza troppi preamboli o digressioni atmosferiche. Il guitar work raggiunge qui livelli di intensità e barbarie esplorati di rado nel recente passato, flettendo i muscoli in una dimostrazione di forza che, tra assalti serratissimi, break ‘galoppanti’ e rallentamenti schiacciasassi, non fa letteralmente prigionieri, mentre la sezione ritmica ne accompagna le gesta con la consueta dose di potenza e solidità, guardandosi bene dal sovraccaricare le strutture e rubare la scena al riffing. Sulla performance al microfono di Frank Calleja, invece, poco di nuovo da aggiungere: il frontman non possiede l’ugola più espressiva e versatile della scena, ma compensa queste mancanze con una metrica sempre più affinata e con un carisma che a stento si contiene, specie all’altezza di ritornelli indiavolati come quelli dell’opener “The Charlatan’s Enunciation”, di “Evil Be to Him Who Evil Seeks” o della portentosa titletrack.
In definitiva, “Only Death…” è il disco perfetto per la stagione estiva ormai alle porte, un filo sotto il precedente ma comunque imperdibile per gli amanti di Antropofagus, Deeds Of Flesh, Morbid Angel e – più in generale – della violenza irrefrenabile. Avanti così.

TRACKLIST

  1. The Charlatan's Enunciation
  2. Evil Be to Him Who Evil Seeks
  3. A Greater Terror
  4. Unholy Man
  5. Embrace Your Messiah
  6. The Papist Devil
  7. Gallows Walk
  8. Only Death Can Save You
  9. From the Fire Where It All Began
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.