BEHEMOTH – At The Arena Ov Aion – Live Apostasy

Pubblicato il 14/01/2009 da
voto
7.0
  • Band: BEHEMOTH
  • Durata: 01:00:00
  • Disponibile dal: 07/01/2009
  • Etichetta: Regain Records
  • Distributore: Self
Se avete avuto modo di assistere a un concerto dei Behemoth, avrete sicuramente un’idea della potenza che la band di Nergal riesce a sprigionare sotto forma di death metal satanico tirato e violento. “Live Apostasy” arriva a fotografare in terra francese un’istantanea di un gruppo in ottima forma, rodato dagli innumerevoli concerti e alle prese con una setlist che diventa sempre più difficile da costruire per via dell’ottima qualità delle ultime release del combo polacco. Buona la resa sonora del live che propone 16 pezzi più l’intro dell’ultimo album “The Apostasy”. Da questo vengono estratte una fantastica “Slaying the Prophets Ov Isa”, “Promethereon” nonché “At the Left Hand Ov God” e “Christgrinding Avenue” che poteva essere sacrificata per qualcos’altro ad esempio da “Pandemonic Incantation”, album mai troppo apprezzato. Tutte le canzoni sono tiratissime e addirittura velocizzate, come al solito dal vivo. Risultano ottime le tracce estratte da “Thelema.6”: “Cristian To The Lions” è tritaossa, al pari di “Antichristian Phenomenon”. Straordinaria la portata di “Conquer All”, epoca “Demigod”, un brano che consente di far rifiatare il bravissimo drummer Inferno nonché di variare il ritmo del concerto. Stessa cosa dicasi per la fantastica “As Above So Below” che precede una sequenza di canzoni sparate a tutta velocità prima del gran finale. Vale la pena spendere qualche parola ancora una volta per “Decade Of Therion”, uno dei pezzi più belli di sempre nel death metal, maligno ed efferato come pochi altri. Chiude il concerto al solito la fantastica “Chant for Ezkaton 2000”, recentemente ri-registrata in un EP edito da poco. Le due composizioni sono tratte da quel “Satanica” che segnò la svolta della band, folgorata sulla via di Damasco dopo un tour assieme ai Deicide. Due pecche: ad oggi risulta inutile ancora proporre la versione stravolta di “From The Pagan Wasteland” introdotta dal solito richiamo black metal di Nergal, così tanto per far vedere che non ha rinnegato i primi anni della sua carriera, e poi la mancanza di canzoni da quel capolavoro che è “Pandemonic Incantation”. Il resto è in regola con la formula Behemoth: death metal di qualità.

TRACKLIST

  1. Rome 64
  2. Slaying The Prophets Ov Isa
  3. Antichristian Phenomenon
  4. Demigod
  5. From The Pagan Vastlands
  6. Conquer All
  7. Prometherion
  8. Drum Solo
  9. Slaves Shall Serve
  10. As Above So Below
  11. At The Left Hand Ov God
  12. Summoning Ov The Ancient Ones
  13. Christgrinding Avenue
  14. Christians To The Lion
  15. Sculpting The Throne Ov Seth
  16. Decade Ov Therion
  17. Chant For Ezkaton 2000 E.v.
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.