BEHEMOTH – Evangelion

Pubblicato il 21/07/2009 da
voto
7.5
  • Band: BEHEMOTH
  • Durata: 00:41:09
  • Disponibile dal: 07/08/2009
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros
E al fin arrivarono su Nuclear Blast. La strada è stata lunga, impervia. Chissà, se i polacchi Behemoth non avessero fatto quel famoso tour con i Deicide che fine avrebbero fatto. E si perché il buon Benton, mentre “rovinava” il suo gruppo, “convinceva” il buon Nergal a lasciare stare il black metal, roba da mocciosi, per suonare un death metal granitico e d’impatto. Ed ecco quindi che, complice la presenza in formazione di un fenomeno alla batteria qual è Inferno, la svolta prese piede e i Behemoth cominciarono a sfornare album di una possanza invidiabile, trovando la via nel death metal cupo, nero, veloce e devastante che li ha poi resi famosi. Con questo “Evangelion” la missione si compie, il gruppo è arrivato su un’etichetta prestigiosa e la formula magica che ha consentito loro di scalare le vette del death metal, trova in questo episodio l’ennesima mini-revisione. L’album infatti non si discosta molto da quanto fatto in precedenza. Troviamo ancora un suono fantastico, che nonostante il budget più ricco a disposizione rimane sempre molto death metal, molto live. Questo esalta il lavoro alla batteria di Inferno, drummer giunto oramai a livelli fenomenali, e anche la chitarra di Nergal, che dosa senza mai eccedere riff veloci, stacchi e fischi vari. C’è tutto quindi in questo “Evangelion”. C’è poi, rispetto al passato, un’accentuazione di cori, di parti epiche e di arrangiamenti che prima avevano meno spazio. E’ così che alla furia iconoclasta di “Shemhamforash”, faranno eco i i cori e le atmosfere epiche di “Ov Fire And The Void”, canzone che viaggia a ritmo basso e che per la quale è già stato pubblicato un video. E poi altri grandi brani, come la cupissima “He Who Breeds Pestilence”, veramente oscura con i suoi riff, la potenza controllata di “Alas, Lord Is Upon Me”, brano molto evocativo, e poi ancora sfuriate death brutali fino ad arrivare all’ultima “Lucifer”, otto minuti di pura epicità, brano molto simile a quanto fatto dai Nile, una soluzione nuova e molto efficace. “Evangelion”, nella mente di Nergal e non solo, è il disco che consacrerà in maniera definitiva i Behemoth: il gruppo ha curato alla perfezione ogni dettaglio e il risultato è di valore assoluto. Ascolto obbligatorio.

TRACKLIST

  1. Daimonos
  2. Shemaforash
  3. Ov Fire And The Void
  4. Transmigrating Beyond Realms Ov Amenti
  5. He Who Breeds Pestilence
  6. The Seed Ov I
  7. Alas, Lord Is Upon Me
  8. Defiling Morality Ov Black God
  9. Lucifer
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.