BE’LAKOR – Vessels

Pubblicato il 23/06/2016 da
voto
7.5
  • Band: BE'LAKOR
  • Durata: 00:55:05
  • Disponibile dal: 06/24/2016
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo il buon successo di critica e pubblico di “Of Breath and Bone”, i Be’Lakor hanno preferito fare le cose con calma prima di registrare un nuovo album. Ben quattro anni separano “Vessels” dall’opera precedente, segno che i ragazzi non si sono fatti prendere dalla smania di battere il ferro finchè è caldo, optando invece per una lavorazione attenta e prolungata. Del resto, l’album è come sempre basato su composizioni particolarmente articolate, nelle quali gli australiani di rado nascondono la loro ormai proverbiale indole prog. Le tracce insomma difficilmente possono dare l’idea di essere state composte in fretta e furia: i Be’Lakor ci propongono quasi un’ora di musica ricchissima di elementi, prendendo ancora una volta le distanze da quella tendenza a semplificare e ripulire che per anni ha impazzato nel filone melodic death metal a seguito degli exploit di In Flames o Soilwork. Il quintetto, nuovamente, punta su un suono più eclettico e profondo, qui avvicinandosi parecchio a formule care agli Insomnium, per poi corroborarle con le ormai solite derive opethiane o di matrice melodic doom. Questo viaggio di larghi orizzonti permette alle chitarre di approfittare del grande spazio a disposizione per costruire una lunga serie di riff e armonie; i brani si attestano su durate corpose, sviluppandosi con calma, alternando quasi sempre parti elettriche e acustiche, uptempo e rallentamenti anche molto gravi. Come già accaduto in passato, il gruppo può dare l’impressione di mettere troppa carne al fuoco, ma indubbiamente sa anche come porre in risalto i suoi punti di forza: le canzoni regalano sovente una bella sensazione di eleganza e movimento, il messaggio è generalmente malinconico e riflessivo, tuttavia non mancano quasi mai impennate ritmiche ed emotive, capaci di descrivere accuratamente la magia della natura. Si percepisce tanta passione in questo disco, molto mestiere che ispira un grande rispetto e che tutto sommato fa apprezzare anche gli svolgimenti più arditi o meno efficaci. “Vessels”, soprattutto grazie ad episodi come “An Ember’s Arc”, “Withering Strands” e “The Smoke of Many Fires”, può legittimamente rendere orgogliosi i nomi tutelari che lo hanno ispirato. La scena melodic death metal ha bisogno di album così integri e di band come i Be’Lakor, che mettono al centro di tutto reali aspirazioni artistiche, restando fieramente avulse da certe logiche di mercato.

TRACKLIST

  1. Luma
  2. An Ember's Arc
  3. Withering Strands
  4. Roots to Sever
  5. Whelm
  6. A Thread Dissolves
  7. Grasping Light
  8. The Smoke of Many Fires
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.