BELOW – Upon A Pale Horse

Pubblicato il 11/07/2017 da
voto
6.5
  • Band: BELOW
  • Durata: 00:47:24
  • Disponibile dal: 19/05/17
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Alcuni luoghi sono immediatamente riconducibili ad un genere, come la Bay Area di San Francisco al thrash degli anni ’80. Allo stesso modo la Svezia è legata al death e al doom epico. Nel caso di specie parliamo della seconda corrente, ovvero il sottogenere meno modaiolo del doom, quella che si nutre di fantasy ed epicità, dell’oscurità più tradizionalmente heavy metal dei Black Sabbath di Dio e dei primi Manowar e Warlord. I riferimenti, iconografici e sonori, sono quelli dei granitici anni ’80, per cui nessuna traccia di satanismo acido, bassi grassi e gracchianti e psichedelia. I Below hanno scelto di ripercorrere la strada che i Candlemass (Memory Garden e Memento Mori) hanno tracciato prima di loro, in barba ai trend degli ultimi anni. Inutile dire che la band di Leif Edling è il principale riferimento stilistico degli svedesi, e talvolta un’ombra un po’ ingombrante: “1000 Bones” ad esempio ricorda, per struttura e linee vocali, l’ottimo“Chapter IV”. Nonostante questo i Nostri dimostrano una perfetta padronanza del genere e buone capacità tecniche: l’ascolto procede in maniera fluida e piacevole, senza cali compositivi ma – e questa è l’altra pecca del disco – anche senza particolari picchi. “Disappearing Into Nothing” (di cui è disponibile il video ufficiale) è dotata di un chorus ben costruito e capace di mettere in risalto le doti vocali di di Zeb, e anche le trame chitarristiche si fanno apprezzare. Anche se c’è stato un passo in avanti rispetto alle uscite precedenti, purtroppo i Below continuano ad essere deficitari in termini personalità. Nel complesso siamo davanti ad un disco più che sufficiente, che può avere un certo appeal solo tra gli ultra fan del classic doom in cerca di un buon prodotto.

 

TRACKLIST

  1. The Plague Within
  2. Disappearing into Nothing
  3. The Coven
  4. Upon a Pale Horse
  5. Suffer in Silence
  6. Hours of Darkness
  7. 1000 Broken Bones
  8. We Are All Slaves
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.