BENIGHTED – Carnivore Sublime

Pubblicato il 25/02/2014 da
voto
7.5
  • Band: BENIGHTED
  • Durata: 00:37:40
  • Disponibile dal: 14/02/2014
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

“Carnivore Sublime” è il conseguimento di una carriera, quella dei francesi Benighted, cominciata a rilento, quasi in sordina, ma che da diverso tempo a questa parte – diciamo dalla pubblicazione dell’ottimo “Icon” – è letteralmente esplosa, proiettando il nome dei Nostri ai vertici del panorama “modern” death metal europeo insieme a gente del calibro di Aborted e Decapitated. Nuovamente registrato presso i tedeschi Kohlekeller Studios, il disco condensa nei suoi quaranta minuti scarsi di durata il meglio della produzione della band, rinunciando agli eccessi di “Asylum Cave” – indubbiamente l’opera più schizofrenica del quintetto – in virtù di un songwriting snello e frizzante, incentrato su trame prettamente death/grind. Impatto e relativa orecchiabilità sono dunque i perni attorno a cui ruotano gli undici brani della tracklist, sospesi tra raptus omicidi à la Cephalic Carnage, bordate ultra-groovy in odore di Despised Icon e sporadici influssi techno-death, ravvisabili soprattutto all’altezza di alcuni intrecci chitarristici al fulmicotone. A fare da collante, come sempre, l’incredibile prova dietro al microfono di Julien Truchan, qui all’apice della propria espressività in un guazzabuglio di growling vocals catarrose, pig squeal e decine di tonalità intermedie. Dalla grind-oriented “X2Y” – frenetico assalto all’arma bianca di poco più di sessanta secondi – alla conclusiva “June And The Laconic Solstice”, l’ascolto di “Carnivore Sublime” procede inarrestabile, denotando grande attenzione nella gestione dei cambi di tempo (da sempre croce e delizia dell’ensemble d’Oltralpe) e nello sviluppo dei singoli episodi, mai così fluidi e vicini al raggiungimento della forma canzone. Citiamo a titolo di esempio “Spit”, psicotica e cantilenante, con il frontman degli Shining Niklas Kvarforth in veste di ospite sul finale, la poderosa titletrack, dall’insolita parentesi tribale, e la magnifica “Collection Of Dead Portraits”, il cui rallentamento schiacciasassi ridurrebbe in poltiglia tre quarti dell’attuale frangia metal/death-core mondiale. Da non sottovalutare, in ultima istanza, l’intrigante concept che fa da sfondo ai testi: la storia di un uomo borderline che sprofonda poco a poco nel cannibalismo, in una spirale incontrollata di pazzia, sangue e miseria. “Carnivore Sublime” è insomma quello che si dice un gradevolissimo dischetto, il più maturo nella carriera dei Benighted e tra i migliori usciti in campo death metal quest’anno, occorre aggiungere altro? Che il massacro abbia inizio.

TRACKLIST

  1. X2Y
  2. Noise
  3. Experience Your Flesh
  4. Slaughter/Suicide
  5. Spit
  6. Defiled Purity
  7. Jekyll
  8. Collection Of Dead Portraits
  9. Carnivore Sublime
  10. Les Morsures Du Cerbère
  11. June And The Laconic Solstice
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.