BERSERK – Rites Of SUpremacy

Pubblicato il 01/10/2003 da
voto
7.0
  • Band: BERSERK
  • Durata: 00:42:55
  • Disponibile dal: 01/10/2003
  • Etichetta:
  • Oaken Shield
  • Distributore: Masterpiece

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Barbari rituali, divinazioni guerriere, banchetti trionfali: è questo il mondo arcaico in cui si dimena la creatura Berserk. Musica bestiale in cui scorre il furore del black metal unita all’estasi sciamanica degli antichi guerrieri delle società indoeuropee. Il secondo album degli iberici Berserk è un inno agli uomini-belva dell’antichità, a quei guerrieri creduti immortali. La simbiosi uomo-animale ritorna a far riflettere sulla natura più intima dell’uomo, una riflessione che i Berserk fanno a cuore aperto, cercando e credendo di sviscerare tutti i segreti ancestrali di questa arcana e pericolosa unione. Il gruppo spagnolo ha smesso la veste sinfonica e ha puntato dritto sulla violenza pura senza dimenticare le atmosfere di epoche ormai remote. “Rites Of Supremacy” è un album più maturo del suo predecessore nonostante il fatto che i Berserk continuino a non incantare. I quattro spagnoli hanno raggiunto una buona amalgama, i richiami del concept e della musica ad atmosfere del passato sono decisi e genuini come l’amore per la dimensione guerriera dell’esistenza. I Berserk sono pure aiutati stavolta da una produzione massiccia, avvolgente che trasmette istantaneamente la carica di adrenalina sciorinata in ogni singolo secondo di questo cd. Eppure, eppure l’orda dei Berserk vince la battaglia senza brillare, senza terrorizzare ed incantare; “Rites Of Supremacy” tutto sommato, si attesta nella media delle produzioni black metal degli ultimi tempi. Il che è un peccato, perché in certi frangenti i Berserk dimostrano di avere tutte le carte per fare un salto di qualità decisivo, ma spesso la loro musica è buona, e nulla più. “De Este A Oste” dipinge un quadro di una società primitiva, in cui regnava la semplice devozione e la consapevolezza dell’incombenza della morte; è con “Gaze At The Sky” che i Berserk fanno venire i brividi con quel loro tocco epico-eroico che meglio di qualsiasi altro elemento caratterizza l’animo vero di questa band. I ‘pelle d’orso’ al servizio delle divinità sanguinarie sono tornati, e hanno già consacrato le loro armi al prossimo devastante attacco. Una bella prova, ma il prossimo album dovrà dimostrarci se i Berserk potranno essere accolti nel Valhalla del black metal.

TRACKLIST

  1. Rites Of Supremacy
  2. Astapa's Ashes
  3. Berserker's Blood
  4. De Este A Oeste
  5. Gaze At The Sky
  6. Blood Of The Gods
  7. Journey To Eternity
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.