BEYOND THE SIXTH SEAL – The Resurrection Of Everything Tough

Pubblicato il 03/06/2007 da
voto
6.0
  • Band: BEYOND THE SIXTH SEAL
  • Durata: 00:55:55
  • Disponibile dal: 21/05/2007
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Avete presente i bravi The Red Chord? Bene, cercate di dimenticarli allora, in quanto questi Beyond The Sixth Seal, nonostante i nomi coinvolti, propongono una musica decisamente diversa. Abbiamo nominato gli autori di “Clients” in quanto sia Mike Mckenzie che Gregory Weeks fanno parte di questo progetto parallelo che però, ripetiamo, c’entra davvero poco con il gruppo principale. I Beyond The Sixth Seal infatti tentano di coniugare il death melodico tipico degli In Flames di “Whoracle” e “Colony” con l’hard rock puro e semplice. Il connubio è però inteso in maniera particolare e, al contrario dei The Crown (tanto per fare un nome tra i più noti) che amalgamavano i due tipi di sonorità per dar vita ad un cocktail esaltante, qui potremmo parlare più semplicemente di hard rock cantato in growling. Se bisogna fare un esempio per cercare di capire meglio la proposta della band, potremo citare l’album “Back In Blood” dei Debauchery, anche se i tedeschi sono maggiormente ancorati alla scena death. L’esperimento degli statunitensi invece è piuttosto interessante, anche se poteva essere sviluppato decisamente meglio. Innanzitutto, pensando al gradimento che la musica potrà avere sull’ascoltatore, è più facile che un deathster accetti la struttura delle tracce prettamente rockeggiante piuttosto che il contrario: solitamente il rocker vede il cantato in growling con il fumo negli occhi e questo potrebbe precludere una grossa fetta di mercato alla band. Secondo punto a sfavore, decisamente più importante, è la qualità del songwriting troppo altalenante: se è vero che vi sono delle idee piuttosto buone, che coincidono con le rock-oriented “I Die At 35” e “The Twisted Ladder”, è altresì innegabile che i brani maggiormente melo-death come “My Terrifying Ally” o le tracce meno ritmate come “Forward Thinking” sono decisamente inferiori alle attese. Il lavoro dei singoli è buono, senza orpelli che appesantiscono il lavoro, ma nemmeno senza picchi particolari. Insomma, questo “The Resurrection Of Everything Tough” è un album diviso tra brani buoni ed altri scarsi, ma che ci permette di conoscere una realtà abbastanza fuori dagli schemi e della quale probabilmente (anche grazie al deal con la Metal Blade) risentiremo parlare.

TRACKLIST

  1. Nothing To Prove
  2. My Terrifying Ally
  3. I Die At 35
  4. Reverly
  5. Stricken
  6. The Twisted Ladder
  7. Feral Dreamer
  8. The Law You Have Sworn
  9. Forward Thinking
  10. Yawning Of The Gale
  11. Everything Though
  12. Blood Of A Ghost
  13. Monument
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.