BLACK BREATH – Slaves Beyond Death

Pubblicato il 22/09/2015 da
voto
8.0
  • Band: BLACK BREATH
  • Durata: 00:49:12
  • Disponibile dal: 25/09/2015
  • Etichetta: Southern Lord
  • Distributore: Goodfellas

L’evoluzione appare chiara già dalla durata dei singoli brani e dalla presentazione grafica, ovvero l’ennesimo intenso dipinto del sempre più noto Paolo Girardi; nei tre anni che separano il precedente “Sentenced To Life” dal nuovo “Slaves Beyond Death” la proposta dei Black Breath è divenuta più cupa, articolata e severa. Bastano pochi minuti di ascolto per rendersi conto che i ragazzi statunitensi abbiano cercato di rinnovarsi, trasformando il death’n’roll/thrash metal offerto nei primi due full-lengh in qualcosa di più maestoso e pesante. A livello sonoro, l’incipit di “Pleasure, Pain, Disease” – preso di peso da “Leprosy” dei Death – fornisce il primo indizio; la voce di Neil McAdams, ben più maligna e gutturale del solito, ne porta un altro, mentre il riff principale della title-track – più Obituary dei migliori Obituary – costituisce la prova definitiva. I Black Breath hanno rinvigorito il loro sound di album in album e con “Slaves Beyond Death” si sono definitivamente trasformati in una death metal band fortemente radicata negli stilemi tipici dei primi anni Novanta. L’attitudine spavalda e le radici hardcore sono state soppiantate da un’atmosfera astiosa e da una gravità che non lasciano campo ad alcun fraintendimento. È quasi come se la band si fosse liberata dal peso di dover essere sempre e per forza ignorante e sfrontata, restando al contempo altamente credibile durante il lento ma inesorabile processo che l’ha portata fuori prima da quella scena (crust) hardcore e poi da quei paragoni con “Wolverine Blues” in cui per certi aspetti ancora sguazzava. Tutto ciò si riversa nella performance di Eric Wallace e Mark Palm, coppia di chitarre sempre al centro dell’esecuzione e sempre più ambiziosa, la cui tonnellata di riff viene esaltata dalle strutture più elaborate in cui il gruppo si sia fin qui cimentato. Con “Slaves Beyond Death” i Black Breath entrano nella loro nuova fase, quella della piena maturità, confezionando il capitolo più importante della loro continua evoluzione; a differenza dei vecchi lavori, questo è un disco ricco di sfumature e piccoli dettagli, ideato per rendere al meglio se ascoltato nella sua interezza. Un album che prende a piene mani dal periodo d’oro del death metal novantiano, ma che al tempo stesso non manca di fornire alcuni di quegli spunti orecchiabili e immediatamente contagiosi tipici dei migliori episodi del vecchio repertorio (“Chains Of The Afterlife” omaggia persino i Metallica del periodo ’84/’86). L’ispirazione è sempre su alti livelli e in generale i ragazzi di Seattle sembrano avere più fame che mai. Inarrestabili.

https://soundcloud.com/southern-lord-records/black-breath-slaves-beyond-death

TRACKLIST

  1. Pleasure, Pain, Disease
  2. Slaves Beyond Death
  3. Reaping Flesh
  4. Seed Of Cain
  5. Arc Of Violence
  6. A Place Of Insane Cruelty
  7. Burning Hate
  8. Chains Of The Afterlife
11 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.