BLACK DEATH CULT – Diaspora

Pubblicato il 30/03/2022 da
voto
7.0
  • Band: BLACK DEATH CULT
  • Durata: 00:37:54
  • Disponibile dal: 01/04/2022
  • Etichetta:
  • Profound Lore

Spotify:

Apple Music:

I Black Death Cult sono la creazione del musicista canadese Timothy Grieco – che qui usa lo pseudonimo Rephaim Specter – più conosciuto per la sua attività con gli Antediluvian e, come bassista live, con i Revenge. “Diaspora” è il secondo disco del quintetto, che sembra aver affinato la bizzarra formula introdotta con il più timido “Devil’s Paradise” del 2019: un death metal sui generis con qualche pennellata di black ma, soprattutto, contaminato da tonnellate di doom/stoner fracassone e di psichedelia. Si potrebbe dire che la spiegazione della musica dei cinque nordamericani sia racchiusa nel monicker che si sono scelti: il nome Black Death Cult è stato ispirato dall’ascolto di una compilation così intitolata dei deathsters loro connazionali Cremation e, allo stesso tempo, è stato utilizzato perché ricorda i Black Sabbath ed i Blue Oyster Cult, entrambi dichiarate influenze – i primi a livello sonoro, i secondi probabilmente più per l’immaginario oscuro e legato al paranormale. “Diaspora” è, infatti, costituito da una serie di pezzi lunghi ma mediamente lineari, basati su riff reiterati e distorti, una batteria potente, un basso dai suoni grassi e ben distinguibili e dalla presenza quasi costante dei sintetizzatori o di un organo dai suoni malefici; su tutto una voce che alterna growl e urla orrorifiche, andando a creare un’atmosfera densa e rituale. Paradossalmente, in una proposta piuttosto omogenea – senza connotazioni negative – il solo brano completamente differente dagli altri risulta essere anche il più originale: la breve “Inverse Moon”, l’unica canzone con voce pulita, infatti, rievoca i primi Pink Floyd interpretati in una versione metal, come se Syd Barrett e gli Sleep si fossero messi a jammare in preda a qualche sostanza psicotropa.
Forse non tutto è perfettamente a fuoco e ogni tanto si nota qualche momento ripetitivo, ma “Diaspora” è un disco con alcuni spunti molto interessanti.

TRACKLIST

  1. Neon Cross
  2. Knights Of The Headless Order
  3. Bloodworms
  4. River Of Death
  5. Inverse Moon
  6. The Fractal Conspiracy
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.