BLACK MESSIAH – The Final Journey

Pubblicato il 08/03/2012 da
voto
7.0
  • Band: BLACK MESSIAH
  • Durata: 00:55:23
  • Disponibile dal: 24/02/2012
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

In pochi se li ricorderanno esordienti nell’ormai lontano 1998 sulla famigerata Last Episode con il full length “Sceptre Of Black Knowledge”, ma da quel giorno i Black Messiah hanno fatto un discreto passo in avanti. Dopo un vuoto temporale di ben sette anni, nel 2005 fu la lungimirante Einheit Prod. a rilanciare la band tedesca con il buon “Oath Of A Warrior”, trampolino di lancio che ha portato i Black Messiah a firmare per la AFM Records. Il nuovo “The Final Journey” mostra molte luci e qualche ombra, ma il giudizio complessivo non può che essere positivo. Il gruppo nel corso degli anni ha progressivamente abbandonato le influenze black sinfoniche, eccetto per un paio di riff e per alcuni tappeti di tastiere, e si è diretto in maniera decisa verso il pagan metal. Il nuovo album gode di un’ottima produzione, che rasenta la perfezione, e da segnalare c’è l’uso emozionante del violino, che viene utilizzato in più di un brano. Buone le parti acustiche, anche se non sono tantissime, meno buone tutte quelle aperture eccessivamente epiche, che suonano dannatamente ‘tedesche’ in tutti i sensi. In alcuni momenti la band è ancora un po’ troppo ancorata alle sue radici per produrre una musica metal affine anche a chi non abita oltre il Reno. Il modo che i Black Messiah hanno d’interpretare il viking metal li avvicina in alcuni frangenti al filone power metal. In un paio di brani specialmente, solo a chi consapevolmente piace l’epicità e tinte forti e pacchiane, i Black Messiah possono risultare interessanti. Per un’etichetta grande come la AFM, un gruppo come i Black Messiah può andare benissimo perché la band è esperta e conserva parte del suo estremismo sonoro, che però viene incanalato in un viking metal fruibile da un’ampia fetta di pubblico. A riascoltare più e più volte l’album, alla fine ci si convince che i Black Messiah abbiano fatto un buon lavoro, forse però poco adatto a chi ama il pagan metal ‘puro’ e semplice.

TRACKLIST

  1. Windloni
  2. Der Ring Mit Dem Kreuz
  3. To Become A Man
  4. Into The Unfathomed Tower (A Tribute To Candlemass)
  5. Feld Der Ehre
  6. Lindisfarne
  7. The Naglfar Saga: Prologue (The Final Journey)
  8. The Naglfar Saga: Mother Hel
  9. The Naglfar Saga: On Board
  10. The Naglfar Saga: Sailing Into Eternity
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.