BLACK RAGE – Silent Scream

Pubblicato il 25/12/2013 da
voto
6.5
  • Band: BLACK RAGE
  • Durata: 00:46:09
  • Disponibile dal: 23/12/2013
  • Etichetta:
  • Distributore:

I Black Rage sono un nuovo e giovane gruppo attivo da qualche tempo a Monza. Arrivano al debutto con “Silent Scream”, cimentandosi in un filone musicale che è passato di moda da molto tempo ma che è sempre oggetto di attenzione da parte degli appassionati: il death metal melodico di stampo svedese. Come ogni band all’esordio, questo “Silent Scream” ha pregi (idee, realizzazioni) e difetti (inesperienza, ripetizioni), ma è un album che si lascia ascoltare e che in alcuni tratti trasuda quelle atmosfere, quelle melodie dai refrain duri che tanto abbiamo amato all’epoca in cui Dark Tranquillity e In Flames dominavano la scena. Qualche rapida descrizione dei brani. “Black Rage” apre il disco e si segnala subito come summa della loro musica: ottimi stacchi melodici, struttura portante che deborda quando arriva la doppia cassa, riffing imperioso ma troppo prolungato (e quindi a tratti monotono), e voce cavernosa, forse troppo – ma questa è faccenda sicuramente demandata al “De Gustibus” di turno. La title-track confema l’impressione della prima canzone: c’è molto ritmo nelle canzoni dei Black Rage, molta forza costruita attorno ad una batteria che spinge sempre sull’acceleratore (ma che dovrebbe suonare più varia sulla lunga distanza) e su un riffing di chitarra dal suono molto pulito su cui arrivano ora gli assoli ora i break melodici tipici del genere. Canzone migliore del lotto, a nostro giudizio, è “Dead Man Walking”, un brano lungo ma ben costruito con un’alternanza di parti dal vario sapore. Dall’acustico di alcuni passaggi alla fervida elettricità di altri, passando per alcune parti di voce pulita (belle!) che potrebbero schiudere orizzonti importanti per il futuro, la composizione è il vero biglietto da visita dei Black Rage. Alla fine della fiera, l’album si ascolta e presenta i difetti dell’inesperienza, quella che porta cinque giovani a voler dimostrare di avere tutte le carte in regola, di saper scrivere quindi canzoni dure anche se il riffing è troppo lungo e ripetuto, di saper arrangiare con le scale anche queste fin troppo prolungate, di non voler concedere nulla sul piano del ritmo anche se questo vuol dire picchiare come un ossesso dall’inizio alla fine del brano. Però questi peccati di inesperienza, veniali, messi sulla bilancia non intaccano il giudizio finale più di tanto: la bilancia infatti  pende verso la sufficienza piena, considerata la qualità dei brani e dei refrain melodici, sempre azzeccati, come da regola numero 1 del genere.  Depurato di alcune parti, o snellito se preferite, questo lavoro avrebbe preso mezzo punto in più. Dategli fiducia.

TRACKLIST

  1. Black Rage
  2. Silent Scream
  3. Sinner
  4. Awakening
  5. Tonite We Dine In Hell
  6. Six Feet Under
  7. Killing The World
  8. Dead Man Walking
  9. Ice World
  10. Outro
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.