BLACK SABBATH – Heaven And Hell

Pubblicato il 21/07/2017 da
voto
9.5
  • Band: BLACK SABBATH
  • Durata: 00:40:06
  • Disponibile dal: 25/04/1980
  • Etichetta: Vertigo
  • Distributore:

“Heaven And Hell” nasce in un contesto in cui i suoi protagonisti attraversano un periodo piuttosto difficile, tanto che ne é scaturita da poco l’estromissione di Ozzy Osbourne dalla band, causante ulteriori problemi a livello personale: Geezer Butler si é infatti defilato in attesa di prendere una decisione definitiva sul rimanere o meno; Bill Ward é devastato da alcool, droghe e depressione; Tony Iommi é in seria crisi creativa e in attrito con il management. Pure Ronnie James Dio, dopo la separazione dai Rainbow, é un po’ in difficoltà e a corto di soldi. Ecco che, dunque, l’incontro tra Iommi e Dio rappresenta l’occasione per una vera e propria svolta per entrambi. Da alcune sessioni tra il cantante ed il chitarrista cominciano a prendere forma una parte delle canzoni che finiranno nel disco e i due comprendono subito di avere tra le mani qualcosa di veramente importante. Infatti, l’innesto di Dio nei Black Sabbath rappresenta un’autentica boccata di ossigeno per la band di Birmingham, prima del suo arrivo seriamente ad un passo dallo scioglimento. La forza di volontà, la grinta, la determinazione e la grandissima bravura e professionalità del cantante italo-americano rivitalizzano i Sabbath ed il loro sound, dando vita ad uno dei dischi più belli non solo della stessa band, ma considerabile come autentica pietra miliare dell’heavy metal in assoluto, uno dei capolavori del genere. L’album si apre con “Neon Knights”, scelta anche come singolo, un pezzo duro e veloce, destinato a diventare uno dei brani più celebri del disco. Si passa ad atmosfere più malinconiche e soffuse con “Children Of The Sea”, canzone che si apre con una chitarra arpeggiata ma che poi va indurendo i suoni: un primo esempio di come i nuovi Black Sabbath si dimostrino capaci, più che in passato, di far convivere all’interno dello stesso brano passaggi heavy e parti più introspettive, peraltro con Tony Iommi che si rivela sin da subito particolarmente ispirato negli assoli. Il ritmo travolgente di “Lady Evil” precede quello che diventerà uno dei riff più celebri di tutto l’heavy metal: la title-track è infatti un pezzo potente, epico, dirompente, che rappresenta alla perfezione il nuovo corso della band successivo alla separazione con Ozzy. Molto bella anche “Wishing Well”, una canzone trascinante e carica di magia, nel tipico stile di Dio, che originariamente apriva il lato B dell’album. Le tastiere di Geoff Nicholls (il quale, peraltro, benché non accreditato, contribuì alla stesura di alcuni pezzi) introducono la veloce “Die Young”, caratterizzata ancora una volta da una splendida performance da parte di Dio. Segue “Walk Away”, una traccia carina, sebbene a nostro avviso non regga il confronto con il resto della tracklist. Si chiude invece alla grande con “Lonely Is The Word”, brano quanto mai affascinante, raffinato e dalle atmosfere cangianti. Ottima la produzione, affidata ad un veterano come Martin Birch, già al lavoro con Dio per i Rainbow. Un disco seminale, fondamentale, “Heaven And Hell”, che saprà riportare in auge i Black Sabbath e che, grazie al suo successo, contribuirà a spalancare definitivamente le porte al movimento della NWOBHM, sempre più incontenibile e pronto ad esplodere. Un capolavoro immortale, non a caso ancora oggi molto amato e tra i preferiti in assoluto di tanti metallari.

TRACKLIST

  1. Neon Knights
  2. Children Of The Sea
  3. Lady Evil
  4. Heaven And Hell
  5. Wishing Well
  6. Die Young
  7. Walk Away
  8. Lonely Is The Word
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.