BLACK SABBATH – The Ultimate Collection

Pubblicato il 05/02/2017 da
voto
6.0
  • Band: BLACK SABBATH
  • Durata: 02:30:52
  • Disponibile dal: 28/10/2016
  • Etichetta: BMG
  • Distributore:

E’ sempre difficile dare un giudizio su questo genere di operazioni discografiche, soprattutto quando sono coinvolte band con decenni di carriera alle spalle e una discografia sterminata tra album ufficiali, live, raccolte, cofanetti, edizioni deluxe, remaster e quant’altro. Non fa eccezione questa “The Ultimate Collection”, l’ennesimo ‘best of’ della band di Birmingham che accompagna, riprendendo anche l’artwork del tour, l’ultimo giro di danza dei Black Sabbath prima di calare il sipario sulla loro storia. Inutile dire che, se dovessimo giudicare semplicemente la qualità delle canzoni, il voto in calce alla recensione sarebbe perlomeno nove, ma questo è quasi scontato. Detto questo, però, cerchiamo di capire a chi si rivolge un doppio album come questo. Per i fan accaniti della band di Tony Iommi un’uscita di questo tipo è totalmente inutile: non ci sono inediti o chicche perdute e ritrovate in qualche cassetto, solo una selezione di brani storici del gruppo, rimasterizzata per l’occasione. Nulla, insomma, che giustificherebbe un acquisto per chi possiede già gli album originali: giusto i completisti si ritroveranno a sborsare il prezzo, a denti stretti, pur di non perdere un tassello della collezione. Vogliamo considerare allora questa raccolta come un buon modo per avvicinarsi alla musica dei Black Sabbath? Un biglietto da visita per un giovane metallaro che vuole, giustamente, studiarsi le radici di questo genere musicale? Anche in questo caso, però, “The Ultimate Collection” non ci sembrerebbe la scelta migliore: il doppio CD, infatti, pesca a piene mani solo dal periodo ’70-’78, quello con Ozzy alla voce e, francamente, ci pare ingeneroso un ‘greatest hits’ che prenda in considerazione album come “Technical Ecstasy” e “Never Say Die!” e ignori completamente capolavori assoluti come “Heaven And Hell”, “Born Again”, “Headless Cross” e via dicendo. Per chi è stata pensata, dunque, questa compilation? A parere di chi scrive, questo doppio album è stato concepito per il pubblico generalista, che non è interessato a chissà quale approfondimento, ma ancora appartiene alla generazione che compra i CD e li tiene sulla mensola, assieme a qualche classico del rock. E’ il pubblico per cui i Black Sabbath sono “Paranoid” (non a caso, posta in apertura); i Deep Purple, “Smoke On The Water”; i Led Zeppelin, “Stairway To Heaven”; i Pink Floyd, “Another Brick in the Wall” e via dicendo. Non è un crimine, ci mancherebbe: non si diventa una band planetaria solo grazie ai fan che comprano le discografie complete; però, diciamocelo, se appartenete a questa categoria, difficilmente sarete anche degli abituali frequentatori delle nostre pagine.

TRACKLIST

  1. Paranoid
  2. Never Say Die
  3. Iron Man
  4. Black Sabbath
  5. Children Of The Grave
  6. Fairies Wear Boots
  7. Changes
  8. Rat Salad
  9. Sweet Leaf
  10. War Pigs
  11. Sabbath Bloody Sabbath
  12. Hole In The Sky
  13. Symptom Of The Universe
  14. Spiral Architect
  15. Rock 'n' Roll Doctor
  16. Dirty Women
  17. Evil Woman, Don't Play Your Games With Me
  18. A Hard Road
  19. Lord Of This World
  20. Into The Void
  21. Behind The Wall Of Sleep
  22. Snowblind
  23. Tomorrow's Dream
  24. The Wizard
  25. N.I.B.
  26. Electric Funeral
  27. Embryo
  28. Killing Yourself To Live
  29. Am I Going Insane?
  30. Wicked World
  31. It's Alright
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.