BLACK TUSK – TCBT

Pubblicato il 13/08/2018 da
voto
7.0
  • Band: BLACK TUSK
  • Durata: 00:42:23
  • Disponibile dal: 17/08/2018
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

La famiglia Black Tusk dimostra sempre più di essersi ripresa alla grande dalla scomparsa di Jonathan Athon. È ormai assodata la presenza in formazione di Corey Barhorst al basso, così come il recente ingresso di un secondo chitarrista pronto a rendere ancora più grasse e groovy le loro esibizioni dal vivo, ma intanto questo nuovo “TCBT” vede ancora una line up ufficiale a tre: più che sufficiente, francamente, per un ritorno energico e di buonissimo livello. Dietro una copertina essenziale che ci rimanda a vecchi classici dell’hard rock di fine anni Settanta, la band di Savannah offre un compendio di attacchi frontali grezzi e coinvolgenti, in cui la dimensione sludge trova un perfetto equilibrio con la furia crust che già faceva capolino qua e là nei lavori precedenti. Gli echi, in brani come “Closed Eye” o “Scalped”, sono quelli dei Corrosion Of Conformity di “Eye For An Eye” o “Blind”, per intenderci: un sound che trasuda grasso per motori, come giusto quando gli ampli sparano a mille da queste parti degli States, ma anche l’amore per l’hardcore di band come Black Flag e Minor Threat, a cui del resto Andy Perkins guardava già prima di formare i Black Tusk. L’unico momento di quiete è, a ben vedere, l’intro recitata sopra un vago cenno di feedback chitarristico, ma non aspettatevi supponenti momenti filosofici: il titolo parla chiaro, “A Perfect View Of Absolutely Nothing”, e quindi a seguire via col nichilismo. Oltre ai brani già menzionati, stanno sugli scudi la cupa e ossessiva “Lab Rat”, l’acidissima “Rest With The Dead” (a tratti veramente disturbante all’udito) o “Never Ending Daymare”, pura iconoclastia punk rivisitata. Ma è tutto l’album a funzionare, reso fresco e variegato, come sempre, anche dall’alternarsi dei tre dietro il microfono. E dopo cinque album, specie in un genere così abusato, ci pare già un ottimo risultato.

TRACKLIST

  1. A Perfect View Of Absolutely Nothing
  2. Closed Eye
  3. Agali
  4. Lab Rat
  5. Scalped
  6. Ghosts Roam
  7. Ill At Ease
  8. Rest With The Dead
  9. Never Ending Daymare
  10. Orange Red Dead
  11. Whispers
  12. Burn The Stars
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.