BLACK VEIL BRIDES – Wretched And Divine: The Story Of The Wild Ones

Pubblicato il 04/03/2013 da
voto
7.5
  • Band: BLACK VEIL BRIDES
  • Durata: 00:50:06
  • Disponibile dal: 08/01/2013
  • Etichetta: Lava Records
  • Distributore: Universal

Spotify:

Apple Music:

Avenged Sevenfold, Trivium, 30 Seconds To Mars, My Chemical Romance, A.F.I. Linkin Park, Yellowcard, Nickelback…In giorni di tappeti rossi e statuette, possiamo dire che minimo comune denominatore di tutte le band sopra citate è quello di essere state quanto meno nominabili in un’ipotetica categoria “best alternative rock/metal act”, genere in cui quest’anno i Black Veil Brides possono tranquillamente aspirare all’Oscar. “Wretched and Divine: The Story of the Wild Ones”, terzo album dopo l’ancora acerbo “We Stitch These Wounds” e il successivo debutto su major “Set the World on Fire”, si presenta infatti fin dal titolo e dalla corposa tracklist come il disco della maturità per la formazione originaria dell’Ohio, alle prese con una rock opera perfetta, sia a livello lirico che musicale, per conquistare la cosidetta ‘Twilight generation’. Forte di un concept poco originale ma per questo efficace – l’eterna lotta tra il bene e il male, stavolta partorito dalle fantasie di una ragazza che vede i membri della band, i Wild Ones appunto, contrapposti ad un fantomatica organizzazione, la F.E.A.R. -, allo stesso modo anche la parte musicale pesca a piene mani dai gruppi citati in apertura, recuperando, in ordine di importanza, le armonizzazioni degli A7X, il riffing dei Trivium, i ritornelli da stadio dei Nickelback, la vena dark di MCR e AFI, il violino degli Yellowcard, il gusto teatrale dei 30STM e l’elettronica dei LP. L’alchimia di questi elementi, prevedibilmente, non produce un nuovo elemento sulla tavola periodica metallica e ha il potenziale bellico di una baionetta armata con un coltello di plastica; tuttavia, pur senza possedere lo spessore di un “City Of Evil”, l’album mette in fila una serie di anthem pronti ad ispirare una generazione più dei giochi di Londra, a conferma di come la nuova frontiera del marchio -core sia ormai la commistione il glam e relative pacchianate annesse e connesse (grazie Steel Panther?). I nostalgici degli anni ’80 probabilmente storceranno il naso, ma se in passato avete fatto il tifo per le band sopra citate (e, giustamente, avete risparmiato i soldi della paghetta lasciando sugli scaffali l’ultimo lavoro dei Bullet For My Valentine), ci sono buone probabilità che la fatidica frase ‘..and the winner is’ faccia stavolta rima con Black Veil Brides.

TRACKLIST

  1. 1.Exordium
  2. 2.I Am Bulletproof
  3. 3.New Years Day
  4. 4.F.E.A.R. Transmission 1: Stay Close
  5. 5.Wretched And Divine
  6. 6.We Don't Belong
  7. 7.F.E.A.R. Transmission 2: Trust
  8. 8.Devil's Choir
  9. 9.Resurrect The Sun
  10. 10.Overture
  11. 11.Shadows Die
  12. 12.Abeyance
  13. 13.Days Are Numbered
  14. 14.Done For You
  15. 15.Nobody's Hero
  16. 16.Lost It All
  17. 17.F.E.A.R. Transmission 3: As War Fades
  18. 18.In The End
  19. 19.F.E.A.R: Final Transmission
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.