BLACKGUARD – Firefight

Pubblicato il 31/05/2011 da
voto
7.0
  • Band: BLACKGUARD
  • Durata: 00:43:32
  • Disponibile dal: 29/03/2011
  • Etichetta: Victory Records
  • Distributore:

Streaming:

Avevamo parlato dei Blackguard in maniera poco entusiastica in occasione del loro non molto brillante debutto "Profungus Mortis". La band canadese oggi però torna a farsi sentire con un album finalmente convincente che, pur mantenedo un taglio epico, mette quasi del tutto da parte le influenze pagan/folk del precedente lavoro e aggiunge la varietà della cui mancanza risentiva quel disco. Un death melodico fortemente debitore dei Children Of Bodom sia per quanto riguarda la voce di Paul Zinay, praticamente la copia carbone di Alexi Laiho, che per il guitar work e lo stile stesso delle composizioni. Centrale il ruolo degli frequenti inserti sinfonici dagli effetti pseudo corali delle tastiere. Presente anche una forte base power metal che si traduce in brani diretti, ricchi di sfuriate in doppia cassa, dai riff serrati e ricchi di soli melodici come riscontrabile sulla stessa titletrack. "Farewell" è invece un tellurico mix tra Children Of Bodom del periodo "Follow The Reaper" e i Dragonforce, molto orecchiabile, tirata ed energica grazie anche al buon tiro del drumming della batterista Justine Ethier. Il disco, come dicevamo, presenta qualche punto di discontinuità che lo tiene lontano da una pericolosa monotonia e uno di questi punti è "Wasteland", mid tempo epico e sinfonico che potrebbe far da colonna sonora a un videogame fantasy, ma che nella parte centrale è spezzato da una repentina accelerazione. Tanta velocità e tanti Children Of Bodom su "Cruel Hands" e "The Fear Of All Flesh", brani più thrashy come riffing e più aggressivi come cantato, ma sempre contornati da melodici e ariosi arrangiamenti sinfonici di tastiera. Da evidenziare nel finale anche la epica "Sarissas", brano debitore anche dei finnici Turisas, pomposo, dalle melodie orientaleggianti e impreziosito da alternanza tra parti costruite su ritmiche medie e tirate incursioni su cui fanno capolino anche dei blast beat. I suoni sono potenti e anche fin troppo cristallini, in linea con i gusti soprattutto con le nuove generazioni. "Firefight" è dunque un discreto lavoro, scorrevole, di presa e sul quale pesa più che altro la poca personalità data un’eccessiva somiglianza con i Children Of Bodom dei primi tempi.

TRACKLIST

  1. Tephra
  2. Firefight
  3. Farewell
  4. Wastelands
  5. Cruel Hands
  6. Iblis
  7. The Fear Of All Flesh
  8. A Blinding Light
  9. The Path
  10. Sarissas
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.