BLAZON STONE – No Sign Of Glory

Pubblicato il 17/10/2015 da
voto
5.0
  • Band: BLAZON STONE
  • Durata: 45:40
  • Disponibile dal: 15/09/2015
  • Etichetta:
  • Distributore:

A due anni dal debutto “Return To Port Royal”, ecco che torna a farsi sentire Cederick Forsberg con il suo progetto-copia-tributo dei Running Wild. Chi aveva apprezzato il primo disco, un nostalgico e dunque voluto clone di quanto prodotto dalla storica ciurma tedesca capitanata da Rolf Kasparek, non avrà grossi problemi a farsi piacere il qui presente “No Sign of Glory”. Già, perchè sempre di emulazione fatta e finita della suddetta band si tratta e anche questa volta più che discretamente riuscita. Bastano i primi cinque secondi dell’intro “Declaration Of War” per andare con la mente a quei primi cinque secondi che nel lontano 1989 aprirono il brano-capolavoro “Riding The Storm”. Da lì in poi è, ovviamente, tutto un revival dei Running Wild del periodo tra “Death Or Glory” e “Pile Of Skulls”. Non mancano certo il tiro o l’immediatezza a brani come “Fire The Cannons” o “Bloody Gold”: tirati, dai grandi ritornelli, con un cantato leggermente sporcato, il classico riffing serrato e i tipici giri melodici della storica formazione tedesca a cui le composizioni sono palesemente ispirate. Anche qui respira di continuo un’atmosfera a metà tra il militaresco e il piratesco, e persino i suoni, pur risultando migliori rispetto al disco di debutto, si rifanno in tutto e per tutto ai Running Wild di metà carriera. La qualità media dei pezzi si mantiene su un discreto livello e alcuni, oltre ai due già citati, sono formalmente buoni, come le due conclusive “Stranded And Exiled” e “No Sign Of Glory”, quest’ultima la classica lunga traccia epica finale, come da copione. Come detto in apertura di recensione, se siete fan dei Running Wild e per voi non è un problema il fatto che su questo lavoro la personalità sia pari allo zero termico, troverete in “No Sign of Glory” quarantacinque minuti di power/speed metal adrenalinico assolutamente piacevoli. Se invece, come il sottoscritto, ritenete che a tutto ci sia un limite, darete giusto un ascolto o due a questo album e tornerete ad ascoltare il quasi inimitabile originale a firma Rolf Kasparek, a cui il lavoro si rifà in ogni suo dettaglio.

TRACKLIST

  1. Declaration of War (intro)
  2. Fire the Cannons
  3. A Traitor Among Us
  4. No Return from Hell
  5. Bloody Gold
  6. Fight or be Dead
  7. Beasts of War
  8. Stranded and Exiled
  9. No Sign of Glory
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.