BLEEDING THROUGH – Love Will Kill All

Pubblicato il 05/06/2018 da
voto
8.0
  • Band: BLEEDING THROUGH
  • Durata: 00.47.10
  • Disponibile dal: 25/05/2018
  • Etichetta: Sharp Tone Records
  • Distributore: Warner Bros

Ci vuole faccia tosta per tornare in attività dopo soli quattro anni dal tour d’addio, dopo una risposta di cuore da parte di moltissimi fan che, pur di salutare per l’ultima volta una delle band più amate del metalcore, hanno fatto anche sacrifici. Faccia tosta o uno dei dischi migliori della propria carriera, come guarda caso Brendan Schieppati, Brian Leppke, Derek Youngsma, Ryan Wombacher e Marta Peterson sono riusciti a concepire. A parere di chi scrive un comeback è corretto non includa alcun tipo di innovazione al suono della band: ecco dunque i veterani di O.C. trovare l’equilibrio perfetto tra “The Truth”, l’episodio commercialmente più sfrontato e fortunato della formazione, e “Declaration”, quello più maturo, feroce ed incisivo. Dodici tracce compatte ed ispirate che fondono il metal, black, death e sinfonico, all’hardcore più muscoloso. Intensità ed atmosfera, fuoco e fredde catene. Chi scrive attendeva dal 2006 un brano come “Dead Eyes”, sintesi definitiva di una formazione pionieristica che ha aiutato a definire il sound di un certo tipo di metal. “Cold World” sarà presumibilmente il massimo per chi li ha amati nella loro gelida ed implacabile rabbia, mentre “No Friends” consacra la paternità nei confronti di una moltitudine di figli che non li hanno mai raggiunti a livello di intensità, Winds Of Plague in primis. “Fade Into The Ash”, “Buried” e “No One From Nowhere” sono altri brani killer assolutamente da citare, tanto significativi che vien da pensare che singoli come “Set Me Free” siano stati scelti per lasciare a bocca aperta gli ascoltatori una volta ascoltato l’album. “Love Will Kill All” è un disco datato e nessuno può dire il contrario, ma contiene l’energia, la rabbia e la fame che l’ultimo decennio di metalcore – nelle parole di Schieppati composto da centinaia di band che suonano la stessa versione di Emmure con ritornello à la A Day To Remember – può solo sognare. Il ritorno dei Bleeding Through si legittima dunque con la disarmante assenza di concorrenti nel medesimo campo da gioco e con la qualità di un album che li riporta istantaneamente tra le teste di serie del movimento.

TRACKLIST

  1. Darkness, A Feeling I Know
  2. Fade Into The Ash
  3. End Us
  4. Cold World
  5. Dead Eyes
  6. Buried
  7. No Friends
  8. Set Me Free
  9. No One From Nowhere
  10. Remains
  11. Slave
  12. Life
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.