BLEEDING THROUGH – The Truth

Pubblicato il 31/01/2006 da
voto
8.0
  • Band: BLEEDING THROUGH
  • Durata: 00:42:44
  • Disponibile dal: 27/01/2006
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Universal

Metalcore. Quante volte si è sentito il nome, troppe volte a vanvera: sicuramente il trend del 2005. Subito l’etichetta è stata rifiutata da praticamente tutti i gruppi appartenenti al genere, Bleeding Through compresi. Che c’è di male però in un disco come “The Truth”, metalcore in toto, ma anche sorprendentemente al di sopra di quella massa informe che satura il mercato discografico? Nulla, a parere di chi scrive. Se il livello delle uscite è indubbiamente alto, grazie anche alle furbizie in sala di registrazione, le bordate del gruppo di OC si elevano ad un livello al di sopra della norma, grazie ad una onestà e una dinamicità fuori dal comune, in grado di creare spazio in abbondanza per la formazione del frontman Brendan Schieppati. L’attacco di “For Love And Falling” è quanto mai esemplare, soprattutto con quell'”I don’t give a fuck” che presenta il massacro che si inscenerà per i successivi quaranta minuti, zeppo di passaggi trionfalmente hardcore, riff che tanto assomigliano a fucilate e i soliti grandissimi breakdown. Schieppati, poi, canta. Lui stesso ha dichiarato nel DVD di non saper tenere una nota in croce, lui stesso ha mollato gli Eighteen Visions per la direzione troppo morbida che stavano prendendo, ma sentendo pezzi come “Love In Slowmotion” non si riesce a immaginare un traguardo migliore per la graduale evoluzione del gruppo. Non traggano in inganno le parole appena lette: “The Truth” trabocca di violenza thrash ipersatura e spezzacollo per più del novanta per cento della sua durata, tanto da avvicinare il gruppo in certi momenti anche al black dei Dimmu Borgir (forse per gli inserti del sinth di Marta). Pochi fronzoli e nessuna concessione alle melodie svedesi, l’aggressione dei Bleeding Through è spietata e continua, con un occhio di riguardo agli arrangiamenti e una produzione, ad opera di Rob Caggiano, davvero superlativa. Il gruppo si muove con stile sia nei momenti più orecchiabili (“Kill to Believe” o la ballad “Line In The Sand”) che quando c’è da menar le mani (“Hollywood Prison” per citarne una), creando sempre un diversivo piacevole, sia esso un ritornello catchy o un passaggio gotico. La cover infine merita una menzione per come riesce a rappresentare la violenza sanguinaria insita nel CD, oltre ad essere graficamente superlativa. Da non confondere con la scontatezza del metalcore prodotto in serie, i Bleeding Through, da bravi iniziatori del movimento, sanno far male. Come iniziare in modo migliore il 2006?

TRACKLIST

  1. For Love and Failing
  2. Confession
  3. Love In Slow Motion
  4. The Pain Killer
  5. Kill To Believe
  6. Dearly Demented
  7. Line In The Sand
  8. She's Gone
  9. Tragedy Of Empty Streets
  10. Return To Sender
  11. Hollywood Prison
  12. The Truth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.