BLISS INFECTION – Memory

Pubblicato il 03/09/2005 da
voto
5.5
  • Band: BLISS INFECTION
  • Durata: 00:56:43
  • Disponibile dal: //2005
  • Etichetta: Vacation House Records
  • Distributore: Venus

Niente da fare, il problema più grosso da superare per le band italiane, verso una possibile affermazione all’estero, resta e rimane sempre lo stesso: cimentarsi decentemente con la lingua inglese. Ne sono, purtroppo, brillante esempio i friulani Bliss Infection, all’esordio su full-length, tramite l’iper-prolifica Vacation House, dopo una decina d’anni di attività (tra alti e bassi): musicalmente parlando, come spesso accade alla maggior parte dei combo nostrani, il quartetto di Gorizia è più che interessante, dato che punta a riportare in auge le sonorità tanto amate/odiate nella prima metà dei Nineties dei vari Nirvana, Mudhoney, Green River, Silverchair e tutta la serie di fenomeni grunge che ormai da diversi anni a questa parte è stata costretta a cedere il passo. E non si tratta di pseudo- o post-grunge, come ad esempio quello di ampio successo dei Nickelback…qui siamo di fronte proprio ad un equo sovrapporsi ed alternarsi di pezzi strizzanti l’occhio al punk più abrasivo (“Hail Of Pain”, “Sick Time”, l’ottima “Tyrannicide”) e semi-ballad orecchiabili e, al tempo stesso, delicate e disperate (“Wrong”, “Time Goes By”, la stupenda “The Rain On Purple Flowers”). Tutto piuttosto interessante e ben concepito, arrangiato con la giusta perizia e prodotto in maniera grezza e diretta (si presume sia stata un’operazione volontaria, da approvare in pieno). I brani sono riconoscibili quasi dal primo ascolto e, pur non essendo dei capolavori, riescono a far tornare indietro nel tempo quel tanto che basta per passare una divertente oretta. Quindi, spiace davvero dover scendere sotto la sufficienza solo a causa dell’inglese imbarazzante propostoci dai Bliss Infection: non si vuole offendere nessuno, sia chiaro, ma in “Memory” si toccano livelli davvero mediocri e viene da chiedersi se anni di ascolto di musica in inglese non servano proprio a niente… Un vero peccato, per la miseria. Speriamo vivamente che in futuro la band in questione migliori sotto questo punto di vista, in quanto il coraggio di proporre un genere ormai in disuso è tutto dalla loro parte!

TRACKLIST

  1. Hail Of Pain
  2. Wrong
  3. Something…
  4. The Rain On Purple Flowers
  5. Intro ( Scrymin’ Guitars )
  6. Sick Time
  7. Hey You
  8. Tyrannicide
  9. Time Goes By
  10. Grudge To The Bone
  11. Are You The One?
  12. Rabbit Face
  13. 1977
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.