BLOOD MORTIZED – The Demon, the Angel, the Disease

Pubblicato il 24/01/2014 da
voto
7.0
  • Band: BLOOD MORTIZED
  • Durata: 00:53:40
  • Disponibile dal: 29/11/2013
  • Etichetta: Chaos Records
  • Distributore:

Passo in avanti per i Blood Mortized, che rispetto al comunque discreto “The Key To A Black Heart” sembrano aver capito che per realizzare un lavoro un po’ più significativo in campo old school death metal serve qualcosina in più che seguire alla lettera i dettami dei tre/quattro soliti noti. Di certo il nuovo “The Demon, the Angel, the Disease” non è un’opera che batte terreni inesplorati, ma, al tempo stesso, esso riesce a mettere in mostra un songwriting più vivace e variegato rispetto a quanto fatto dal suo predecessore. Possiamo dire che gli svedesi abbiano preso un pochino le distanze dai soliti tributi ai Dismember, rendendo il proprio sound ora più groovy e pesante, ora più evocativo. I suoni utilizzati sono per gran parte quelli tipici della scuola di Stoccolma, ma in diversi riff dei brani più cadenzati emergono importanti influenze Bolt Thrower, mentre in quelli maggiormente votati all’epicità emerge il passato del chitarrista Anders Hansson Biazzi, che fece parte degli Amon Amarth all’epoca dei primissimi album. Siamo consapevoli che parlare di compromesso tra potenza e melodia sia divenuto a dir poco un clichè, tuttavia i Blood Mortized attuali, mescolando un po’ le carte, hanno trovato esattamente questo: “The Demon…” è un disco che non rinuncia a quella carica e a quella ruvidità tipiche del death metal europeo novantiano, ma che contemporaneamente si concede spesso a giochi armonici e ad un tocco di orecchiabilità, senza però mai scadere in quelle trame un po’ facilotte offerte ultimamente dai suddetti Amon Amarth. Un album forse un pelo troppo lungo per il genere – oltre cinquanta minuti, con un paio di tracce superflue – ma che comunque riesce a intrattenere per buona parte della sua durata, giocando bene con le ritmiche e con i cambi di umore. Una prova dunque solida, per un gruppo che ora potrebbe realmente emergere tra gli ascoltatori più legati all’underground.

TRACKLIST

  1. Bastard
  2. In The Black Flames Of Desolation
  3. My Soul, Your Flesh
  4. I Am The Dead
  5. Master Of Pain
  6. Dysphoria Dystopia
  7. Blessed Are The Dead
  8. Blooddrenched Stones
  9. Noiseterror 08
  10. The Barbarian Lust
  11. The Demon, The Angel, The Disease
  12. I Leave With Hate
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.