BLOOD OF KINGU – Sun In The House Of The Scorpion

Pubblicato il 17/07/2010 da
voto
6.0
  • Band: BLOOD OF KINGU
  • Durata: 00:36:26
  • Disponibile dal: /06/2010
  • Etichetta:
  • Candlelight
  • Distributore: Audioglobe
Streaming non ancora disponibile
Ritornano i Blood Of Kingu, ovvero il side-project "violento" dei Drudkh. La formazione ucraina ha firmato per Candlelight Records e con questo "Sun In The House Of The Scorpion" da un seguito all’apprezzato esordio "De Occulta Philosophia", ristampato varie volte tra il 2007 e il 2009. Con il suo secondo full-length il quartetto continua a esplorare territori raw black metal leggermente contaminati da sonorità etnico-tribali, le cui influenze si rintracciano in particolar modo nel drumming e in alcune parentesi atmosferiche. Il grosso della proposta rimane comunque un black metal piuttosto crudo, anche se non velocissimo. Il riffing deve qualcosa ai Wolves In The Throne Room più arrabbiati, mentre va segnalato come le linee vocali siano quasi sempre modulate su un growling piuttosto rozzo, a dispetto dello screaming comunemente utilizzato in questo campo. Diciamo che, tutto sommato, nel platter non sono rintracciabili la personalità e l’ispirazione tipiche dei Drudkh, tuttavia, grazie anche alla sua compattezza, la tracklist scorre discretamente e non presenta cali di tensione troppo evidenti. Il limite maggiore è costituito dalla ripetitività di certe soluzioni chitarristiche e delle suddette linee vocali, ma chi è particolarmente avvezzo a questi suoni troverà con una certa probabilità vari spunti soddisfacenti.

TRACKLIST

  1. Herald of the Aeon of Darkness
  2. Those That Wander Amidst the Stars
  3. Cyclopean Temples of the Old Ones
  4. Incantation of He Who Sleeps
  5. Guardians of Gateways to Outer Void
  6. Ceremonies to Awake Thy Ageless Hate
  7. Morbid Black Dreams Bringing Madness
  8. The Gate of Nanna (cover Beherit)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.