BLOODY HAMMERS – Lovely Sort Of Death

Pubblicato il 22/08/2016 da
voto
7.0
  • Band: BLOODY HAMMERS
  • Durata: 00:47:07
  • Disponibile dal: 05/08/2016
  • Etichetta:
  • Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

I polistrumentisti Anders Manga e Devallia Anders proseguono con onorevole tenacia il proprio percorso artistico inaugurato nel 2012, mediante un’opera intrigante seppur imperfetta, altresì meritevole di far emergere in superficie una serie di soluzioni stilistiche al di fuori dell’ordinario. Con “Lovely Sort Of Death”, il collettivo statunitense dipinge un enorme buco nero capace di ingoiare voracemente qualsiasi velleità stoner udita nei precedenti “Spiritual Relics” e “Under Satan’s Sun”, per approdare con elegante discrezione in crepuscolari paesaggi di natura darkwave. Anche il tradizionale riffing ‘sabbathiano’ viene parzialmente ridimensionato a favore di un’architettura sonora più sfuggente e rarefatta, sovente dominata da minimali trame di synth tessute con discrezione dalla compassata Devallia. L’immagine di copertina esprime con garbo una morbosa attrazione per tutto ciò che ruota intorno al binomio Eros/Thanatos, lasciando altresì trapelare una malcelata passione nei confronti dei vetusti horror movie della Hammer. I Bloody Hammers forgiano un lavoro sufficientemente eterogeneo, sospeso tra ridondanti partiture wave che talvolta faticano a librarsi in volo (“Bloodletting On The Kiss”, “The Reaper Comes”), malsane derive psichedeliche (“Astral Traveler”) ed efficaci nostalgie gothic rock à la The Sisters Of Mercy (“Messalina”). “Infinite Gaze To The Sun” e “Ether” invece narrano con apprezzabile disinvoltura il linguaggio del doom metal tradizionale. I due protagonisti lambiscono un inatteso vertice compositivo, per merito di un brano tremendamente ispirato come “Lights Come Alive”: brillante gemma gotica scolpita da un tagliente groove di basso, capace di scatenare un intenso mosaico di suoni e umori, interpretati con fervida passione e teatralità dal frontman. Se questa strana coppia in bianco e nero maturerà in futuro una personalità ben distinta ed una maggiore coesione in fase di scrittura, saremo ben felici di elogiare un progetto che ha tutte le carte in regola per fare davvero la differenza. Eclettismo vintage.

TRACKLIST

  1. Bloodletting On The Kiss
  2. Lights Come Alive
  3. The Reaper Comes
  4. Messalina
  5. Infinite Gaze To The Sun
  6. Stoke The Fire
  7. Ether
  8. Shadow Out Of Time
  9. Astral Traveler
  10. Catastrophe
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.