BLOT MINE – Ashcloud

Pubblicato il 12/10/2005 da
voto
7.0
  • Band: BLOT MINE
  • Durata: 00:41:28
  • Disponibile dal: 18/07/2005
  • Etichetta: Metal Fortress Entertainment
  • Distributore:

E chi se li ricorda? Probabilmente davvero in pochi, ed è un peccato, perché i Blot Mine apparvero come una cometa e svanirono subito non prima però di aver illuminato l’underground con l’ottimo “Porphyrogenesis”, uscito all’incirca sei anni fa per la Near Dark Prod. Un album non da poco suonato splendidamente ed intelligentemente da membri che facevano parte di gruppi ben più conosciuti nel circuito black metal come Sorhin, Setherial and Midvinter. Quella release, dall’atmosfera fredda e ‘cosmica’, aveva molto in comune con il black metal svedese della corrente Dark Funeral e Setherial. La differenza sostanziale stava nei riff, assai più articolati nei Blot Mine. “Ashcloud” è l’album “nuovo”. “Nuovo” nel senso che è il successore del debut, ma che non è stato registrato ora bensì realizzato soltanto adesso dopo essere rimasto molti anni dimenticato chissà dove. “Ashcloud” appartiene infatti al passato pur essendo inedito e non può quindi dimostrare l’attuale stato di salute dei Blot Mine che, nonostante l’inattività lunghissima, continuano ufficialmente ad esistere, come testimonia l’intervista rilasciata a Metalitalia.com che verrà pubblicata a breve. Le differenze stilistiche tra i due album sono dunque davvero minime, non essendo trascorso molto tempo dalle loro registrazioni. “Porphyrogenesis” rimane però superiore e molto probabilmente resterà per sempre l’apice raggiunto da questa band, ma quello che qui importa è la validità indiscutibile di questo “Ashcloud” la cui unica pecca è quella di essere una copia dell’originale. Ad ogni modo questo non è un motivo suffficiente per scartare con superficialità una release tiratissima con un riffing ricercato. Il feeling trasmesso è davvero freddo e l’atmosfera volge alle profondità del cosmo più oscuro risultando così assai particolare. I Blot Mine devono d’ora in avanti entrare in casa degli amanti di quel genere al quale si può accorpare una parte consistente della scena black metal svedese, meglio se con la lodevole discografia in blocco. Un cd che viaggia per tutto il tempo a simili velocità con graffianti melodie non si trova in giro tutti i giorni.

TRACKLIST

  1. dead centre
  2. evil intent
  3. right of way
  4. luminous bodies
  5. ashcloud
  6. gynocide
  7. where space and time collide
  8. bolted down ( And Dying )
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.