BOHREN & DER CLUB OF GORE – Dolores

Pubblicato il 28/10/2008 da
voto
7.0

Siamo alle porte dell’autunno (se ancora ne esiste uno), e quale maniera è più opportuna di affacciarci a questa deprimente stagione del nuovo lavoro degli enigmatici Bohren & Der Club Of Gore, che grazie alla Pias Recordings hanno confezionato il qui presente “Dolores”. L’oscurità, la nebbia, il freddo, la solitudine: questi sono fondamentalmente gli elementi di cui è costituito questo lavoro, così evanescente ed introspettivo da richiedere la presenza di palati esigenti e capaci di coglierne l’essenza più pura. Ci muoviamo in territori pericolosamente vicini all’ambient più oscuro, toccando addirittura i picchi espressivi del bellissimo “Lights Out” dei tanto bistrattati (dai metallari) Antimatter. La sensazione imperante nell’ascolto dell’opener “Staub” è quella di essere imprigionati in una enorme stanza buia, dove solo i fantasmi delle nostre paure sono autorizzati a farci visita. Il ritmo è assente e riecheggia solo da rari rintocchi di piatti, come un respiro che si fa sempre più diradato e leggero. La successiva “Karin” si sposta su territori più consoni ad un club jazz, mentre con la successiva “Schwarze Biene (Black Maja)” ritorniamo al suono confortante e capriccioso del piano rhodes, sempre confortato da ritmi estremamente dilatati. La malinconia si prende gioco di noi, tanto che interrompere l’ascolto di “Dolores” equivarrebbe a mettere da parte un frammento di emozioni; ci pensa il sax crepuscolare di “Still Am Tresen” ad avvolgerci ed accompagnarci verso la seconda metà dell’album. “Welk” stenta a decollare, preoccupata com’è di avvitarsi su se stessa con synth e melodie di difficile presa. L’ascolto si fa faticoso e quello che inizialmente appare come un grande pregio di questo lavoro finisce per generare una certa stanchezza di fondo. Le dilatazioni sonore di cui è composto questo album andrebbero offerte col contagocce e raramente dovrebbero superare la mezz’ora. Ecco che un album come “Dolores”, della durata di un’ora, non può far altro che accusare alcune debolezze sulla lunga distanza. Sia quello che sia, comunque un’emozione ce l’ha regalata.

TRACKLIST

  1. Staub
  2. Karin
  3. Schwarze Biene (Black Maja)
  4. Unkerich
  5. Still Am Tresen
  6. Welk
  7. Von Schnäbeln
  8. Orgelblut
  9. Faul
  10. Welten
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.