BOLOGNA VIOLENTA – Utopie E Piccole Soddisfazioni

Pubblicato il 03/02/2012 da
voto
7.0
  • Band: BOLOGNA VIOLENTA
  • Durata: 00:24:16
  • Disponibile dal: 27/01/2012
  • Etichetta: WALLACE RECORDS
  • Distributore: Audioglobe

Terzo album del progetto discografico Bologna Violenta, avventura intrapresa da Nicola Manzan (Baustelle, Teatro Degli Orrori) all’insegna dell’estremismo sonoro cibernetico e dell’autoironia in ambito sociale. Ancora una volta, il polistrumentista sforna un disco in cui la base di grindcore sintetico viene usata come frullatore per un miscuglio industriale di cyber metal, techno hardcore e qualche accenno di musica classica ed elettronica vintage, dando vita ad una centrifuga impazzita di pezzi dalla durata brevissima e quasi interamente strumentali. Una mitragliata di brani, quelli di “Utopie E Altre Piccole Soddisfazioni”, che si incarnano, spesso e volentieri, in uno stile di vita prettamente attuale, dove i rapporti umani sono ridotti all’osso per favorire un sempre più crescente bisogno di dipendenza dalle macchine, concetto figlio di un modo di fare musica ben lontano da qualsiasi tipo di classificazione e sostanzialmente “open minded”. Napalm Death, Johann Sebastian Bach, Mr.Bungle e hardcore digitale sono i punti in comune dell’intera opera, non pensata come un concept, ma evidentemente da leggere come un insieme di manifesti anticonvenzionali, dove nessuno – politica, religione, mass media e rapporti sociali – è escluso. In tutto ciò, viene quindi apprezzata la scelta di coverizzare i CCCP con il brano “Valium Tavor Serenase”, unico pezzo cantanto insieme a “You’re Enough”, con ospite J. Randall degli Agoraphobic Nosebleed alla voce: una crudele scarica di grindcore crepuscolare. Teatrale, avanguardistica, nichilista… chiamate la musica di Manzan come volete: questa sorta di sountrack – che vedremmo bene per un film come “Tetsuo: The Iron Man” – spiazza e colpisce per la sua capacità di poter esprimere una visione generale della vita senza usare parole. Una musica non per tutti, adatta ai più temerari e fortemente sconsigliabile a chi predilige la “forma canzone”; aspetto che limita “Utopie E Piccole Soddisfazioni”, ma che non ne svalorizza il forte significato. I Bologna Violenta si confermano una curiosa e atipica realtà alternativa per chi crede ancora nella musica italiana.

TRACKLIST

  1. Incipit
  2. Vorrei Sposare Un Vecchio
  3. Utopie
  4. Sangue In Bocca
  5. Costruirò Un Castello Per Lei
  6. E’ sempre La Solita Storia, Ma Un Giorno Muori
  7. Valium Tavor Serenase
  8. You’re Enough
  9. Lasciate Che I Potenti Vengano A Me
  10. Remerda
  11. Intermezzo
  12. Il Convento Sodomita
  13. Terrore Nel Triregno
  14. Mi Fai Schifo
  15. Il Bimbo
  16. Lutto Della Testa
  17. Piccole Soddisfazioni
  18. Popolo Bue
  19. Le Armi In Fondo Al Mare
  20. Transexualismo
  21. Finale – Con Rassegnazione
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.