BOMBS OF HADES – Death Mask Replica

Pubblicato il 30/01/2016 da
voto
7.0
  • Band: BOMBS OF HADES
  • Durata: 00:36:21
  • Disponibile dal: 29/01/2016
  • Etichetta:
  • War Anthem Records

Spotify:

Apple Music:

Al quarto album della carriera, i Bombs Of Hades giungono finalmente alla agognata maturità. Era solo una questione di tempo: del resto, stiamo parlando di una formazione composta da veterani della scena svedese, tra i quali spicca il cantante/chitarrista Jonas Stålhammar (God Macabre, ex The Crown). Già il precedente “Atomic Temples” aveva lanciato segnali confortanti, ma la quadratura del cerchio definitiva arriva con questo “Death Mask Replica”, opera che presenta il mix di swedish death metal, doom e crust hardcore tipico dei Nostri in una veste più adulta ed equilibrata. Di certo il gruppo deve avere vissuto un buon periodo di ispirazione nel corso del processo di stesura dei brani, visto che il riffing di chitarra risulta subito più frizzante che mai, ma a colpire è anche la struttura delle varie composizioni, che sinora di rado era apparsa tanto ordinata. Le tracce più lunghe, quelle in cui la band tende a rallentare e a dare maggiore risalto all’atmosfera (anche avvalendosi di archi e lievi tocchi di tastiera), appaiono subito più evocative e scorrevoli, pesanti senza essere monotone e indigeste, mentre quelle più rabbiose oggi si avvalgono di chorus incisivi e memorizzabili, denotando una indubbia cura nelle transizioni tra strofa e ritornello. In sostanza, possiamo arrivare a dire che i Bombs Of Hades siano riusciti a mettere in pratica le teorie degli ultimi Entombed (A.D.) in una maniera più coinvolgente di quella dei cosiddetti maestri. Anche la produzione risulta poi più potente e azzeccata di quella in dote ad un “Back To The Front”: le chitarre hanno maggiore spessore e il mixaggio è in generale maggiormente curato. Death’n’roll suonato con giudizio ed esperienza è insomma ciò che ci offrono i “nuovi” Bombs Of Hades; da gruppo come tanti, i quattro si sono presto trasformati in una solida realtà che è dotata di uno stile sempre più definito e che sa scrivere pezzi dal tiro indiscutibile. Si respira entusiasmo tra i solchi di “Death Mask Replica” e l’ascolto di episodi come la title track, “To Walk Through the Pyres”, “Tombsday” o “Mad Shadows” dovrebbero bastare per comprovare la crescita di Stålhammar e soci. Tuttavia, la raccomandazione è quella di ascoltare il disco per intero e di cercare di vedere la band in concerto, se ci sarà l’occasione; il lavoro si lascia ascoltare benissimo nel suo insieme e il carattere del materiale chiama a gran voce una riproposizione dal vivo.

TRACKLIST

  1. Death Mask Replica
  2. To Walk Through The Pyres
  3. Tombsday
  4. Long May You Rot
  5. Burning Angel (Uhuru)
  6. Old Fires Die
  7. On Pillars Of Madness
  8. When The Reaper Comes
  9. The Venom
  10. Mad Shadows
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.