BOREALIS – World Of Silence MMXVII

Pubblicato il 27/01/2017 da
voto
8.0
  • Band: BOREALIS
  • Durata: 00:59:00
  • Disponibile dal: 27/01/2017
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

I Borealis avevano pubblicato il loro primo album, “World Of Silence”, nel 2008, al termine di un periodo in cui magari erano stati ancora alla ricerca di una propria identità: basti pensare che la band aveva iniziato con una voce femminile, suonando un metal melodico dalle tinte sinfoniche, per poi virare verso un power/prog raffinato e di classe. Questo loro primo full-length, tuttavia, pubblicato in maniera indipendente, non aveva potuto beneficiare di una grande distribuzione ed era diventato ormai praticamente introvabile. Ecco dunque che, dopo il maggior successo riscosso con i due album successivi, “Fall From Grace” del 2011 e “Purgatory” del 2015, era stato proposto alla band dalla loro attuale etichetta, l’AFM, di ripubblicare quel loro album d’esordio. I Borealis hanno tuttavia optato per ri-registrare e remixare interamente il disco, che diventa così “World OF Silence MMXVII”. La line-up, in fondo, non è neppure troppo cambiata da allora, perchè mantiene lo zoccolo duro composto da Matt Marinelli (voce e chitarra), Sean Werlick (tastiere) e Sean Dowell (batteria), con in più oggi Mike Briguglio (chitarra) e Trevor McBride (basso). In realtà, non abbiamo avuto modo di ascoltare la versione originale dell’album, ma dobbiamo riconoscere come questo “World Of Silence” suoni davvero bene e sia un disco a dir poco brillante. La band è riuscita infatti a ricreare nei brani intense atmosfere, impreziosite da ottime performance dei musicisti: il duo chitarristico è assai efficace nel muoversi tra riff massicci e veloci assoli, così come la sezione ritmica è dirompente, tecnica e dinamica. Magnifici i tappeti di tastiera di Werlick, che alterna passaggi sinfonici con altri più tipicamente metal prog, lanciandosi di tanto in tanto anche lui in emozionanti assoli. Particolare, poi, la voce di Matt Marinelli, che un po’ ci ricorda quella di Englund degli Evergrey, una band che in effetti è tra le principali influenze dei Borealis, i quali rispetto al gruppo svedese hanno magari un tocco più tendente al power/prog, che potrebbe essere ispirato ad acts quali Symphony X, Kamelot o Sonata Arctica. Diciamo che “World Of Silence” è un disco che arriva quasi a stupire, perchè oltre al fatto che tutte le canzoni sono di una certa qualità, interpretate con classe e con arrangiamenti brillanti, riesce ad essere dall’inizio alla fine emozionante, unendo un certo mood con squisite melodie e allo stesso tempo con un approccio deciso e abbastanza aggressivo. Niente male neanche un paio di tracce più introspettive quali “From The Fading Screams” o “Divine Answer”, che si articolano in un crescendo affascinante, ma davvero in tutta la tracklist la band riesce ad essere convincente e a far convergere tutte le sue migliori qualità. Gran bel disco, che sarebbe stato davvero un peccato lasciare nell’oblio. Di solito non siamo particolarmente entusiasti di fronte ad operazioni di questo tipo, che portano a ri-registrare album del passato, ma in questo caso non possiamo che riconoscere come i risultati siano davvero pregevoli, per cui quest’iniziativa della band ha tutto il nostro plauso e la nostra approvazione.

TRACKLIST

  1. Lost Voices
  2. Midnight City
  3. From The Fading Screams
  4. Forget The Past
  5. Eyes Of A Dream
  6. World Of Silence
  7. The Afterlife
  8. Divine Answer
  9. The Dawning Light
  10. Black Rose
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.