BORIS – Dear

Pubblicato il 19/07/2017 da
voto
7.0
  • Band: BORIS
  • Durata: 01:09:06
  • Disponibile dal: 14/07/2017
  • Etichetta: Sargent House
  • Distributore:

Tornano con un nuovo album i tre folli giapponesi, e come sempre stravolgono e sintetizzano insieme la loro proposta musicale. Tutto cambia perché nulla cambi, come diceva qualcuno, e qui vale esattamente questa regola: nulla resta uguale, eppure i Boris, sono sempre loro; riconoscibili dalla prima nota, ma in grado di passare dal rumorismo allo sludge a passaggi melodici in maniera caleidoscopica, anche all’interno dello stesso album. Va detto, comunque, che questo “Dear” suona decisamente organico, ed è forse uno dei lavori più vicini a proporre una forma-canzone in più di un episodio, per esempio in “Absolutego”, sintesi tra lo stoner più fumoso e i Fugazi o nella cupa ed emotiva “Biotope”. Ma naturalmente sono considerazioni molto relative, trattandosi dei Boris; ecco quindi che l’avvio è affidato alle derive drone di “D.O.W.N. -Domination of Waiting Noise”, su cui si stagliano linee vocali da mantra orientali decisamente efficaci, così come avviene nella maggior parte dei brani. “Deadsong”, “Kagero” o la conclusiva titletrack scelgono un approccio ancora più dilatato e liquido, dalle parti dei Sunn O))) – ivi compresa la voce virata a un lentissimo rantolo o a puro strumento melodico, mentre dove il microfono viene ceduto a Wata, come in “Beyond”, ci troviamo di fronte a delicate litanie ridotte all’osso; “The Power” pare estratta pari pari dai primissimi Cathedral, e decisi segnali doom proseguono nella successiva “Memento Mori”, il cui finale dominato dal basso è uno dei momenti più intriganti dell’album. “Distopia-Vanishing Point” è una lunga suite in bilico tra parti acustiche e feedback, sorta di manifesto per uno shoegaze con ritmi da collasso, in cui – come sempre, a dirla tutta – il lavoro di Atsuo Mizuno dietro le pelli è eccellente. A un conto a spanne, siamo al decimo full length dal 2010, oltre a una miriade di collaborazioni: come riescano a sfornare con continuità lavori così freschi e intensi resterà un mistero; sicuramente un album da non perdere, se amate le sonorità più sulfuree e meno etichettabili.

TRACKLIST

  1. D.O.W.N. -Domination of Waiting Noise
  2. Deadsong
  3. Absolutego
  4. Beyond
  5. Kagero
  6. Biotope
  7. The Power
  8. Memento Mori
  9. Distopia Vanishing Point
  10. Dear
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.