BORIS – Heavy Rocks

Pubblicato il 22/06/2011 da
voto
7.5
  • Band: BORIS
  • Durata: 52:02
  • Disponibile dal: 24/05/2011
  • Etichetta: Sargent House
  • Distributore:

Amplificatori squagliati che mancano, si diceva a proposito del capitolo precedente, “Attention Please”. Il secondo e simultaneo capitolo invece, “Heavy Rocks” versione 2011, non solo ha probabilmente ridotto gli ampli dei Boris ad un mucchio di ferraglia incandescente durante le registrazioni, ma soprattutto riduce i nostri timpani a una piacevolissima poltiglia informe di cellule bruciacchiate durante l’ascolto, restituendoci il trio di Tokyo intento a fare ciò che sa fare meglio: rockeggiare ad un volume insopportabile scatenando un’anfetaminica tempesta di watt e feedback densa e incandescente come lava. Nessuna sorpresa rispetto all’”Heavy Rocks” del 2002: il suo fratello gemello odierno distrugge le orecchie allo stesso modo mettendo in movimento un vero caterpillar di watt che non si ferma davanti a niente e nessuno. Le dieci tracce di questo nuovo/secondo capitolo sono goduria pura, un party selvaggio di sludge metal (“Czechoslovakia”), stoner rock (“Window shopping”), space rock (“Leak -Truth,yesnoyesnoyes-“), crust/punk (Galaxians”), glam (“Jackson Head”), e hard/psych-rock (“Tu, La La”) sempre esageratamente seventies e ad altissimo voltaggio, che vi farà scuotere le chiappe e scapocciare come non avreste mai pensato possibile. Gli amanti dei Boris più colossali e dilatati comunque non hanno nulla da temere: “Heavy Rocks” offre anche sani momenti più spaziali e atmosferici (“Missing Pieces” e “Aileron”), in cui si rimaterializza anche l’ormai famosissimo wall of sound monolitco e travolgente di “Amplifier Worship” e “Akuma No Uta”. La scelta è perfetta perché tiene l’album in sincro con il suo compagno d’uscita più pacato – “Attention Please” – ed evita al lavoro in questione di divenire una semplice copia carbone del suo omonimo del 2002, che viaggiava a velocità ben più sostenute. Il trio comunque, in linea generale, per ora continua la pausa dal doom metal cacofonico e dal drone metal soffocante delle uscite a marchio Southern Lord di inizio e metà carriera ma, anche in questa veste cazzona e festaiola da rocker psiconauti, la qualità della musica dei Boris non ci pensa proprio a cedere, e la band ha inanellato un ennesimo lavoro micidiale che va ad ampliare una discografia sempre più fitta, sconvolgente e poderosa. Ancora una volta, e senza indugi, ben tornati.

TRACKLIST

  1. Riot Sugar
  2. Leak -Truth,yesnoyesnoyes-
  3. GALAXIANS
  4. Jackson Head
  5. Missing Pieces
  6. Key
  7. Window Shopping
  8. Tu, La La
  9. Aileron
  10. Czechoslovakia
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.