BOYCOTT MANKIND – We Hate You

Pubblicato il 14/09/2015 da
voto
6.0

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Esordio sulla lunga distanza per i Boycott Mankind che, attivi dal 2010, si presentato al pubblico con questo  debutto. Il quartetto italiano scarica il proprio rancore verso l’umanità sfruttando stilemi e direttive stilistiche tanto care al vecchio death metal più marcio, passando per sulfuree elaborazioni doom. Ci sono accenni anche più selvaggi e veloci nella musica contenuta in queste dieci tracce che ricordano le scorribande death’n’ roll degli Entombed periodo “Wolverine Blues”, mentre un proto-thrash slayeriano la fa da padrone nei riff di chitarra, là dove le dinamiche ritmiche di batteria e basso alternano in passaggi quasi funeral doom e in vivaci divagazioni tanto care alla vecchia scuola di Obituary, Cancer e Grave. L’album scorre via veloce e non annoia anche se ci sono alcuni punti che potrebbero portare il nome dei Boycott Mankind, e quindi la loro proposta, ad un livello più alto. Prima su tutti la registrazione: considerando che è stata curata dalla band stessa, è purtroppo un po’ deficitaria e non fa risaltare completamente la natura stessa delle canzoni. Il nichilismo sonoro espresso ha bisogno sì di una registrazione grezza e sporca, ma nel caso “We Hate You” si sente che è stata più una necessità che una scelta voluta. Il secondo appunto che ci sentiamo di fare è la troppa disomogeneità nella strutturazione dei brani : la direzione musicale sembra già intrapresa e le capacità compositive ci sono tutte ma forse vanno smussati alcuni angoli negli arrangiamenti. L’errore, se di questo possiamo parlare, fatto dalla band è stato quello di mettere troppa carne al fuoco: tre, quattro pezzi su cui concentrare le proprie forze sarebbero stati sufficienti. Forse ci sono troppi spunti da filtrare, selezionare e poi curare al meglio. Nonostante tutto, questo “We Hate You” è un prodotto su cui fare affidamento per presentarsi sulla scena. Basterebbe fare ancora un piccolo sforzo per creare un successivo episodio degno di nota e, siamo sicuri, i Boycott Mankind ci riusciranno.

TRACKLIST

  1. Dancing on the Titanic
  2. Cursed Generation
  3. Dropping Like Flies
  4. Shit Life
  5. Pedophiliac
  6. Dead Zone
  7. Boycott Mankind
  8. This God of Yours
  9. Existence of Misery
  10. Suicide
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.