BRIDES – Ocular.Unveil

Pubblicato il 24/03/2009 da
voto
7.5
  • Band: BRIDES
  • Durata: 00:23:36
  • Disponibile dal: 23/03/2009
  • Etichetta: Visible Noise
  • Distributore: Audioglobe

Dopo Lostprophets, Bullet For My Valentine e Bring Me The Horizon, la new sensation in casa Visible Noise ha finalmente un nome: direttamente da Brigthon, ecco a voi i Brides, ultimi arrivati, ma solo cronologicamente parlando, tra le file della sempre più agguerrita meglio gioventù albionica. A meno di due anni dalla sua formazione, il quartetto inglese può già vantare un curriculum live di tutto rispetto – avendo condiviso il palco con band quali Gallows, A Wilhelm Scream, Architects, Devil Sold His Soul e Your Demise – e un album di debutto, questo “Ocular.Unveil”, destinato a fare breccia nel cuore di tutti gli appassionati delle sonorità post-hardcore più contaminate. Hot Water Music, A Wilhelm Scream e Misery Signals sono infatti i termini di paragone più appropriati per descrivere la loro proposta, ma non certo gli unici: se su tutto il disco aleggiano il genio e la sregolatezza che resero grandi gli At The Drive In prima e i Mars Volta poi, non mancano anche, soprattutto all’altezza di tracce quali “Eye Despise The Faceless” e “Carcinoma”, riferimenti a formazioni più modaiole quali Coheed And Cambria, Underoath, Taking Back Sunday o i già citati label mate Bring Me The Horizon. Davvero un bel mix dunque quello imbastito dai quattro ragazzi inglesi, per un risultato finale tanto breve quanto intenso, in cui partiture chitarristiche mai banali si fondono con linee vocali di vario genere – ora melodiche, ora urlate, ma sempre di grande impatto – accompagnando i qui presenti Brides nella loro marcia trionfale verso l’altare della celebrità. Se poi sarà vera gloria, solo il tempo ed un full-length degno di tale nome sapranno dircelo, nel frattempo a noi testimoni non resta che godere a fondo di questo “Ocular.Unveil” e prendere atto di come il buon Quentin Tarantino avesse, ancora una volta, colto nel segno: le Spose, quando vogliono, sanno davvero il fatto loro.

TRACKLIST

  1. Beholder
  2. Serpent, I’m Nothing But Your Anchor
  3. Endless Sea Of Dirac
  4. The Cold Wealth
  5. Eye Despise The Faceless
  6. Carcinoma
  7. Frank West
  8. Velvet Ground
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.