BROTHER FIRETRIBE – Diamond In The Firepit

Pubblicato il 28/07/2014 da
voto
7.0
  • Band: BROTHER FIRETRIBE
  • Durata: 00:48:02
  • Disponibile dal: 02/05/2014
  • Etichetta: Spinefarm
  • Distributore: Universal Music Enterprises

Chi scrive non è riuscito mai a digerire i due precedenti lavori a nome Brother Firetribe, band finnica dedita ad una miscela calibrata tra l’algido metal melodico di stampo scandinavo e malcelate tentazioni Adult Oriented Rock a stelle e striscie che imperavano nel bel mezzo degli anni ottanta. Complice una produzione tutt’altro che irresistibile ed un songwriting troppo spesso incerto, “False Metal” e “Heart Full Of Fire” sono scivolati via senza regalare grossi sussulti. A distanza di ben sei anni dalla pubblicazione di quest’ultimo album, i Nostri ritornano a farsi vivi con il qui presente “Diamond In The Firepit”, un disco che ci regala un lotto di canzoni che vanno oltre le nostre previsioni più rosee: cangianti, sufficientemente ispirate, finalmente impacchettate da una produzione potente, moderna e cristallina, volta indubbiamente a valorizzare il duro lavoro svolto in fase di registrazione. Guidato dai pregevoli intarsi ritmici e solisti del chitarrista dei Nightwish Emppu Vuorinen e da una solida performance del cantante dei Leverage Pekka Heino, il quale è dotato di una voce non particolarmente calda ma quantomeno espressiva, il five piece scandinavo riesce in questa occasione ad attualizzare in maniera credibile ciò che è stato ampiamente narrato qualche lustro fa. Tra gli episodi migliori spiccano le dinamiche arrembanti di “Love’s Not Enough”, ponendosi a cavallo tra gli Stratovarius del mai troppo considerato “Infinite” ed i Survivor più robusti, l’intensa semi ballad “Desperately”, meritevole di rievocare in maniera credibile i Def Leppard del fenomenale “Hysteria”. Conquista la spacconaggine esagerata di “Edge Of Forever”, traccia dominata da mastodontici synth che confluiscono in un esaltante chorus da stadio; mozza il fiato invece il lato introspettivo e notturno palesato da “Tired of Dreaming”. La tanto amata/odiata decade dei sogni dorati viene tributata con successo grazie alla fedele reinterpetazione di “Winner Takes It All”, inserita nella colonna sonora del meraviglioso blockbuster movie “Over The Top” con Sylvester Stallone. La scelta del singolo ricade su “For Better Or For Worse”, una gradevole sing-along purtroppo incapace di lasciare il segno. Se i Nostri avessero ridotto il minutaggio complessivo di “Diamond In The Firepit” omettendo dalla scaletta alcuni episodi formalmente inappuntabili (pensiamo all’AOR insipido di “Hanging By A Thread” e “Trail Of Tears”, nonché al levigato funky reminiscente tentazioni porpora di “Close To The Bone”), ma che non aggiungono nulla più a quanto espresso, ci troveremmo dinnanzi ad un disco con i fiocchi, da tramandare ai posteri. Indipendentemente da ciò, un bel balzo in avanti è stato comunque compiuto. Bene così.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Love's Not Enough
  3. Far Away From Love
  4. For Better Or For Worse
  5. Desperately
  6. Edge Of Forever
  7. Hanging By A Thread
  8. Trail Of Tears
  9. Winner Takes It All
  10. Tired Of Dreaming
  11. Reality Bites
  12. Close To The Bone
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.