BUFFALO GRILLZ – Manzo Criminale

Pubblicato il 18/05/2012 da
voto
7.5
  • Band: BUFFALO GRILLZ
  • Durata: 00:40:05
  • Disponibile dal: 16/05/2012
  • Etichetta: Subsound Records
  • Distributore: Goodfellas

Secondo album per i grinder italiani Buffalo Grillz, un traguardo che – come professato dal loro leader Enrico Giannone (già noto per la fama conquistata con gli Undertakers) durante il release party dell’album – neanche loro si sarebbero aspettati di cogliere. E invece eccoci qui a martoriare i nostri padiglioni auricolari con quaranta minuti di death-grind malsano, tirato, violento, ben prodotto (masterizzato in Polonia presso i famigerati Hertz Studio) e altrettanto ben suonato. Sono diventati una realtà oramai, questi quattro scalmanati da palco, geni assoluti quando si tratta di scegliere i nomi delle loro composizioni, il più delle volte parodie di titoli celebri di film e prese in giro varie. E veniamo alle tracce, quindi. Il monologo su Dio tratto da “Cape Fear” introduce “Linkin Pork”, un brano che dopo sei o sette secondi ha già messo in mostra tutto il repertorio dei Buffalo, fatto di un uso estremo delle linee vocali, strumenti a corda volti a disegnare trame veloci e affilate e batterista che senza pietà, e senza volontà di fare altro aggiungeremmo, picchia selvaggiamente e inumanamente. Lo spartito è questo e tale rimane fino alla fine dell’ascolto. “Forrest Grind”, gettonatissima dal vivo dove spesso viene integrata dai cori del pubblico, è altro pezzo monstre con la variante finale dell’assolo di chitarra eseguito da Cristiano Trionfera dei Fleshgod Apocalypse. Infatti, su “Manzo Criminale” troviamo anche alcune partecipazioni illustri, come quella di Gordo dei Ratos De Porao sulla blasfema “Sacro E Scrofano” (ottimo il duetto vocale fra i due), Keijo dei Rotten Sound e Tom dei Mumakil, fra gli altri. I Buffalo Grillz pagano tributo a certa cinematografia italiana. Troviamo citazioni, dialoghi e rimandi a film che molti bollano come ‘trash’ e tanti altri ‘cult’ che fanno ridere più volte lungo la scaletta. E quindi ecco il mitico scambio di battute fra il prete e il pistolero “Sia lodato Gesu Cristo. Perché?”: storica citazione da “Lo Chiamavano Trinità”, che apre “Grind Sasso”, tre minuti di puro grind con degli stacchi durissimi e un lavoro di batteria incessante in quanto a dinamismo. Oppure “Il Marchese Del Grill”, una sorta di “You Suffer” dei Napalm Death inserita nella più classica delle citazioni sordiane, quella quando il marchese viene scarcerato perché ricco fra i poveri. Il Texas ha avuto il suo massacro e perché non può averlo allora Sermoneta, ridente cittadina della provincia di Latina? Qui l’arte è ridotta a due minuti di urla, grugniti e blast-beat incessanti. Plauso per “Dimmu Burger”, canzone ben strutturata e carica di un groove nella parte centrale assolutamente coinvolgente, arrangiata addirittura  con un assolo di sassofono. C’è anche “Eau De Vergogn (Raul Bove)”, altra composizione che si apre con il batterista a dare il tempo e tutti gli altri a seguirlo con i loro mezzi: chi urlando chi riffando in maniera compulsiva e violenta.  E, insomma, si è capito che questo album è un concentrato di rabbia, uno sfogatoio delle nefandezze quotidiane che non va assolutamente minimizzato per via dell’approccio goliardico. Giocheranno a scimmiottare i film per testi e titoli, ma quando c’è da suonare i Nostri lo fanno in maniera egregia per il genere. I Cripple Bastards rimangono inarrivabili, ma oggi il grindcore italiano ha questo altro nome con cui fare i conti. Buffalo Grillz, e sai cosa mangi!

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Linkin Pork
  3. Forrest Grind
  4. Lapo Elgrind
  5. Manzo Criminale
  6. Gux&Gabbana
  7. Bufalismo
  8. Sacro e Scrofano
  9. Dawson Crick
  10. Impovvisation Intuition Casaccium
  11. Dimmu Burger
  12. Grind Sasso
  13. Il Marchese del Grill
  14. Vision Divan
  15. Il delitto al Blue Grind
  16. Sermoneta Chainsaw Massacre
  17. Eau De Vergogn
  18. Pig Floyd
  19. The Truffer
  20. La canzone del Sale
  21. Outro
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.