BULLET FOR MY VALENTINE – Temper Temper

Pubblicato il 18/02/2013 da
voto
5.5

Ha del potenziale, ma non si applica abbastanza. Lungi da noi voler assumere i panni pedagogici, ma ci tocca prendere matita rossa e blu e ricorrere alla frase più abusata dai professori per giudicare la quarta fatica dei Bullet For My Valentine, additati all’esordio, insieme a Trivium e Avenged Sevenfold, tra le nuove leve della classe metallica – i Little 3, rispetto ai Big 4 – ma contraddistinti da un percorso involutivo inverso. Se infatti le formazioni capitanate da Matt Heafy e M. Shadows hanno saputo rinnovarsi, Matt Tuck e soci sembrano aver invece intrapreso un percorso del gambero che li ha portati, dopo il promettente debut “The Poison” e il comunque divertente “Scream Aim Fire”, al mediocre “Fever”, preludio all’ancor meno ispirato “Temper Temper”. Il disco in realtà parte abbastanza bene con “Breaking Point”, pezzo dotato di un buon tiro grazie soprattutto al lavoro delle due chitarre e allo zampino di Don Gilmore, ma si rivela la punta dell’iceberg di una tracklist divisa in due. Da un lato, i pezzi più ‘in your face’ (“Temper Temper”, “Riot” e “Not Invincible”), divertenti a patto di non prenderli troppo sul serio, come se si stesse ascoltando un bigino di thrash metal d’annata (Metallica, Megadeth, Overkill) coverizzato dai Muppets; dall’altra, le classiche ballad (“P.O.W.”) e semi-ballad (“Dirty Little Secret”, “Dead To The World”), di fronte alle quali vien voglia di riesumare i cari vecchi accendini, ormai rimpiazzati dagli omnipresenti cellulari, non tanto per un’ondata di nostalglia, quanto per poterli accostare ad una bomboletta spray in prossimità della frangia di Matt. Menzione a parte merita “Tears Don’t Fall (Part 2)”, becero tentativo di bissare il successo della primogenia hit con un sequel non all’altezza, ma comunque tra gli episodi migliori di un album in cui trovano posto ben altre ciofeche come “Livin Life (On The Edge Of A Knife)”. Il buon lavoro chitarristico in fase solista, qualche ritornello azzeccato e l’atmosfera sanremese di questi giorni salvano “Temper Temper” da una più sonora bocciatura ma, conoscendo il potenziale del combo gallese, tanto è il rimpianto per quello che avrebbe potuto essere e invece non è stato.

TRACKLIST

  1. 01. Breaking Point
  2. 02. Truth Hurts
  3. 03. Temper Temper
  4. 04. Pow
  5. 05. Dirty Little Secret
  6. 06. Leech
  7. 07. Dead To The World
  8. 08. Riot
  9. 09. Saints n Sinners
  10. 10. Tears Don’t Fall (Part 2)
  11. 11. Livin Life (On The Edge of A Knife)
6 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.