BURDEN OF GRIEF – Destination Dystopia

Pubblicato il 27/11/2023 da
voto
6.5
  • Band: BURDEN OF GRIEF
  • Durata: 00:46:20
  • Disponibile dal: 03/11/2023
  • Etichetta:
  • Massacre Records

Spotify:

Apple Music:

Burden Of Grief: e sai cosa ascolti. Non serve molta fantasia per l’ipotetico claim di lancio di “Destination Dystopia”, ma d’altronde la band teutonica non fa certo dell’inventiva la sua principale qualità, potendo viceversa contare sulla quasi trentennale militanze nella locale scena melodic death metal, traguardo che fa di loro la band più longeva del genere in madrepatria insieme ai Night In Gales.
Dopo aver rimpiazzato chitarrista e batterista, usciti di scena dopo la pandemia, la formazione tedesca torna a cinque anni da “Eye Of The Storm” con un ottavo lavoro che sostanzialmente conferma pregi e difetti di sempre. Tra i primi, sicuramente una perizia strumentale che si traduce in un’aderenza al genere nella sua accezione più primitiva e scapocciona, tra stop’n’go tipici del Gothenburg sound (“A Daydream Of Sorrow”), rimandi ai Dark Tranquillity degli anni Novanta (“Exposed To The Dark”) e metà Duemila (“Fevered Dreams”); il tutto contaminato con un pizzico di thrash in stile primi Soilwork (“Downfall”) e qualche rimando ai connazionali Heaven Shall Burn (“Mass Murder Society”, “My Suicide”).
Il limite principale, oltre alla cronica mancanza di originalità, resta la qualità non sempre uniforme del songrwiting, per cui a fronte di pezzi di spessore come quelli citati sopra nella seconda metà della tracklist non manca qualche passaggio meno ispirato (“The Devil’s Bride”, le parti più pestone di “Fall Into Oblivion”), così come lo stesso concept sul futuro dell’umanità risulta abbastanza abusato se pur sempre di stretta attualità.
Mettendo tutto sul piatto della bilancia, i Burden Of Grief si confermano comunque una solida band ‘dopolavoristica’, ideale gruppo spalla/di metà bill ai festival ma tutto sommato gradevoli anche su disco per cambiare un po’ coordinate rispetto ai più melanconici Insomnium e Wolfheart, pur restando nell’alveo delle sonorità di Gothenburg.

 

TRACKLIST

  1. World Under Attack
  2. A Daydream Of Sorrow
  3. Exposed To The Dark
  4. Downfall
  5. Fevered Dreams
  6. The Devil’s Bride
  7. Mass Murder Society
  8. Destination Dystopia
  9. Fall Into Oblivion
  10. My Suicide
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.