BURNING POINT – Burning Point

Pubblicato il 12/07/2015 da
voto
5.5
  • Band: BURNING POINT
  • Durata: 00:45:27
  • Disponibile dal: 12/06/2015
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Si avvisano subito i lettori che il voto in calce è attribuito in larga parte all’utilità del disco in questione e non soltanto alla sua intrinseca qualità. Ammettiamo che solitamente questo non sia un buon metro di giudizio (quanto meno manca un po’ di parzialità…) ma per giustificarci ci basta spiegarvi che questo omonimo disco dei power metaller Burning Point, il sesto in carriera, non è un vero proprio album di inediti come potrebbe sembrare ad un primo sguardo. Questo nuovo prodotto del combo finnico è più un ibrido tra un album vero e proprio e una compilation, e infatti qui troviamo quattro pezzi inediti e sei brani già registrati, reinterpretati per l’occasione dalla nuova cantante Nitte Valo, che qualcuno ricorderà qualche anno fa in forze ai Battle Beast del primo album. Una manovra, questa, cui abbiamo già assistito solo due anni fa, eseguita dai conterranei Amberian Dawn che, in occasione dell’ingresso dall’attuale singer Capri, decisero di reincidere per l’appunto vecchie glorie con la nuova formazione, creando una sorta di biglietto da visita per la nuova ugola. Sotto quest’ottica si riesce forse a spiegare meglio la nostra mancanza di eccitazione nei confronti del prodotto: per più del cinquanta per cento si tratta infatti di roba già sentita. E per il restante quaranta per cento? Be’… si tratta di roba già sentita comunque già sentita. Senza voler per forza mancare di rispetto alla carriera dei Burning Point dobbiamo, dopo cinque loro album, ammettere come comunque la band in sé non abbia mai rappresentato una vera fonte di novità per quanto riguarda la scena power svedese, anzi. Derivativi e scarsamente originali, i loro prodotti si sono distinti (se l’hanno poi fatto) sempre solo per la buona tecnica strumentale e per l’orecchiabilità dei pezzi, e questa cosa non è cambiata con l’ingresso della comunque brava Nitte. Basta ascoltare il primo inedito, “In The Shadows”, per capire di trovarci davanti a una band che è arrivata in ritardo di almeno una decina d’anni… il riff iniziale, veloce e vorticoso, esaltato da un’ottima produzione, è un vero inno al power metal, ma è anche vero che gli Stratovarius hanno inciso con praticamente lo stesso riff la ben più famosa “Against The Wind”, e questo ben vent’anni fa. “Find Your Soul” fa vedere qualche tastiera in più, mostrando velleità forse più sinfoniche, però anche qui non è che Dark Moor o Nocturnal Rites non sappiano fare di meglio. Con le altre due tracce non va meglio: i brani sembrano perfettamente inquadrati nel resto della tracklist e questo, considerando che i pezzi provengono da una quindicina d’anni di carriera e sono quindi temporalmente distanziati, non ci incoraggia a parlare di una band che in qualche modo ha progredito o si è evoluta. Per quanto riguarda le versioni 2015 dei vecchi brani… be’, non sono malaccio. La musica dei Nostri, esattamente come quella degli Stratovarius, è da sempre fortemente appoggiata alle melodie, e quindi trova giovamento in una timbrica interessante come quella di Nitte Valo, che si sicuro ha un po’ di grip in più rispetto a quella un po’ anonima di Ahonen, che comunque continua ad essere della partita nel suo doppio ruolo di chitarrista e voce secondaria. Insomma, un album nuovo ma che non riesce ad esserlo, questo “Burning Point”, un lavoro che secondo noi può destinarsi solo a fan sfegatati della band o del genere, completisti maniacali e occasionali ascoltatori che rimarranno magari ammaliati da qualche assolo ben suonato o qualche ritornello orecchiabile. Per tutti gli atri, ci vuole di più.

TRACKLIST

  1. In The Shadows
  2. All The Madness (2015 version)
  3. Signs Of Danger (2015 version)
  4. Find Your Soul
  5. Heart of Gold (2015 version)
  6. My Darkest Times
  7. Dawn Of The Ancient War (2015 version)
  8. Into The Fire (2015 version)
  9. Queen Of Fire
  10. Blackened The Sun (2015 version)
  11. I’ve Had Enough Into The Fire (Kiss cover)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.