BURNING RAIN – Face the Music

Pubblicato il 02/04/2019 da
voto
7.0
  • Band: BURNING RAIN
  • Durata: 00:54:38
  • Disponibile dal: 22/03/2019
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

Tanti sono gli impegni che negli ultimi anni stanno occupando il tempo del chitarrista Doug Aldrich, le sue attuali band Revolution Saints e soprattutto The Dead Daisies lo tengono costantemente in giro per il mondo a suonare e registrare nuova musica. L’ex ascia di Whitesnake e Ronnie James Dio si è però ritagliato uno spazio per riesumare i suoi Burning Rain, formazione nata nel lontano 1998, che oggi tornano sul mercato con “Face the Music”, disco in studio numero quattro. La traccia di apertura, “Revolution”, propone un hard rock blueseggiante che in diversi passaggi ricorda i trascorsi di Aldrich alla corte del Serpente Bianco di David Coverdale. “Lorelei” rallenta fino ad assestarsi su un mid tempo caratterizzato da parti vocali maestose ed evocative, che mettono sotto i riflettori l’ottimo lavoro del cantante Keith St. John al microfono. Dall’ascolto appare chiaro come il sole che i Burning Rain offrono il meglio sulle bordate veloci di classic hard rock come “Nasty Hustle”, che partendo da una struttura portante costruita sugli insegnamenti della vecchia scuola rock viene impreziosita da un sound moderno ed attuale con ottimi risultati. “Midnight Train”, il brano scelto come primo singolo del disco, ci catapulta istantaneamente negli States degli anni Ottanta, quando l’hard rock dominava le classifiche ed i gusti degli ascoltatori. Con la titletrack Doug Aldrich e Keith St. John chiamano ancora una volta in causa i Whitesnake più commerciali e frivoli, a cui aggiungono però il loro tocco personale. Su un disco come “Face The Music” non può certo mancare una ballad romantica, che arriva con “If It’s Love”. Anche in questo caso nulla di nuovo, trattasi si un lentone anni Ottanta che brilla soprattutto per le straordinarie parti di chitarra solista. Questo disco si lascia ascoltare tutto d’un fiato senza particolari incidenti di percorsi, tutti i brani possiedono carattere, tiro ed una buona dose di energia. Purtroppo di fronte ad una qualità generale che si assesta su un livello più che discreto, si nota la mancanza di veri cavalli di battaglia, di una hit che entra in testa sin dal primo ascolto e che fa venire voglia di canticchiarla all’infinito. “Face The Music” ci presenta comunque una band in grande forma che, nonostante i sei anni di assenza dal mercato discografico, oggi è ritornata in buona forma.

TRACKLIST

  1. Revolution
  2. Lorelei
  3. Nasty Hustle
  4. Midnight Train
  5. Shelter
  6. Face The Music
  7. Beautiful Road
  8. Hit And Run
  9. If It's Love
  10. Hideaway
  11. Since I'm Loving You
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.