BURNT BY THE SUN – Heart Of Darkness

Pubblicato il 04/08/2009 da
voto
8.0
  • Band: BURNT BY THE SUN
  • Durata: 00:35:00
  • Disponibile dal: 10/08/2009
  • Etichetta:
  • Relapse Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

I Burnt By The Sun si confermano con il loro terzo – e, purtroppo, ultimo – album una delle realtà più brillanti della costellazione metal-core (quello vero!) statunitense. Sono passati oramai dieci anni da quando il gruppo ha deciso di comunicare con il resto del mondo attraverso la sua schizoide vena artistica e da allora non ha sbagliato un colpo, pubblicando una serie di dischi, a loro modo, tutti imperdibili. Non fa eccezione l’attesissimo “Heart Of Darkness”, appunto annunciato come il lavoro conclusivo della carriera dei nostri. Un album ancora più diretto e debordante del precedente “The Perfect Is The Enemy Of The Good”, frutto di un lavoro di gruppo come mai era successo in passato. Sino a “The Perfect…” si aveva infatti spesso avuto l’impressione di trovarsi davanti a una band dotatissima, ma a volte forse un po’ fredda, che si limitava a tratti a fare da semplice esecutrice delle idee di questo o di quell’altro songwriter (il chitarrista John Adubato o il drummer Dave Witte, quest’ultimo oggi nei Municipal Waste). L’arrivo dell’ex Premonitions Of War Nick Hale alla seconda chitarra pare però aver rivitalizzato la lineup, che oggi appare appunto molto più compatta e coesa. Un treno in corsa inarrestabile, che con “Heart Of Darkness” ci investe con alcuni dei suoi brani più pesanti di sempre. Non che le finezze “matematiche” e i tecnicismi a cui i nostri ci avevano abituato in passato siano stati del tutto accantonati, tuttavia, per concludere in bellezza la loro avventura, sembra che i Burnt By The Sun abbiano voluto optare per un approccio ancora più concreto e ritmato. Qui la schizofrenia e le evoluzioni strumentali dei vecchi lavori si sposano infatti con una ignoranza death-grind che non fa prigionieri, spesso talmente senza fronzoli da sconfinare persino in ambienti thrash. Un lotto di brani fluido e ispiratissimo, che stupisce sia per impatto, sia per personalità, dato che, ancora una volta, ciò che fuoriesce dagli amplificatori è un cocktail di difficile catalogazione: non è grind, non è thrash, non è death metal, non è hardcore… è Burnt By The Sun! Ci si intristisce un po’ quando si pensa che dopo “Heart Of Darkness” non potremo più godere di nuovo materiale da parte del quintetto, ma, al tempo stesso, non si può fare a meno di apprezzare e rispettare la scelta della formazione, che nella sua carriera ha sempre e solo dato il massimo, iniziando e finendo alla grande. E siamo certi che l’imminente tour di addio non farà altro che ribadire il concetto. Non fatevi sfuggire l’opportunità di vedere il gruppo live tra poche settimane; nel frattempo, immergetevi nelle trame di questo disco, a oggi una delle uscite più felici del 2009 in ambito “core” e derivati.

TRACKLIST

  1. Inner Station
  2. Cardiff Giant
  3. F-Unit
  4. A Party To The Unsound Method
  5. There Will Be Blood
  6. Goliath
  7. Rust I Future Primitive
  8. Beacon
  9. The Great American Dream Machine
  10. The Wolves Are Running
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.