CABAL CRIPTA – Cabal Cripta

Pubblicato il 09/02/2011 da
voto
6.5
  • Band: CABAL CRIPTA
  • Durata: 00:50:00
  • Disponibile dal: 02/02/2011

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Primo full length autoprodotto per la band dei Cabal Cripta, gruppo composto da quattro elementi, tutti italiani, tutti “nostrani”. Un incredibile ritorno alle origini, potremmo dire. Un thrash che ricorda molto i primi Slayer e Pantera: riff esageratamente violenti (sfidiamo chiunque a non riconoscere in “Power Source” un briciolo di Tom Araya e soci), ritmi all’impazzata dall’inizio alla fine, terrorismo sonoro devastante. Un primo disco che non suona male di per sé: produzione abbastanza soddisfacente (a parte l’unione di voce e chitarre, poiché i suoni spesso si impastano tra loro, non lasciando ad esempio spazio alla batteria), songwriting non sempre eccellente (le canzoni si somigliano molto l’una all’altra), mentre invece troviamo un buon punto a favore nella bravura dei componenti nel saper suonare i propri strumenti. Fabio, alla chitarra, spazza via decisamente ogni dubbio iniziale man mano che si procede con l’avanzare del disco, mentre Marco, con la sua voce devastante, fa il resto. A conti fatti, in fondo in fondo, dobbiamo aspettarci sicuramente qualcosa di più incisivo da parte di una band del genere, poiché un primo grande passo è stato compiuto. Bisogna però essere audaci e riuscire a proporre qualcosa di più complesso ed originale allo stesso tempo, al fine di soddisfare il pubblico sempre più esigente e sempre più votato (purtroppo) alla causa del “eh, i bei tempi andati”. No, noi vogliamo cose nuove, sempre più. Bisogna crederci, e osare. Avanti così!

TRACKLIST

  1. The Flag You Adore
  2. Power Source
  3. Run You Over
  4. The End The Beginning
  5. What I've Got To Say
  6. I Like It Evil
  7. Despite Your Prayer
  8. Here Forever
  9. Reign Under Hell
  10. Born To Murder
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.