CALIBAN – Gravity

Pubblicato il 06/04/2016 da
voto
6.5
  • Band: CALIBAN
  • Durata: 00.45.00
  • Disponibile dal: 25/03/2016
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Universal

Il preconcetto più grande nell’analizzare un disco dei Caliban è quello che vede il periodo rilevante dei tedeschi iniziare e terminare in coincidenza agli split con gli Heaven Shall Burn. Se questi ultimi sono rimasti fedeli a se stessi, diventando mattone sopra mattone una roccaforte del metalcore europeo, i Caliban hanno seguito il corso di parecchie serie tv: senza mai fermarsi hanno continuato una produzione alla ricerca dei consensi di pubblico ed etichette, che progressivamente ha indebolito il brand e fatto calare l’interesse nei loro confronti. Per il solo fatto che “Gravity” percorra gli stessi passi del recente “Ghost Empire” non riusciamo a smuovere il pregiudizio di un centimetro. Il brutto è che i Caliban hanno tutti gli skill per essere una band metalcore coi controcazzi – il songwriting lo ha sempre dimostrato e lo dimostra anche oggi, basta ascoltare “Who I Am”, “Mein schwarez Herz” o “Inferno” – ma da dieci anni a questa parte le qualità della band sono rovinate dalla disperata ricerca dell’exploit commerciale, che se prima si traduceva in chorus puliti decisamente invadenti oggi ha la sembianza di inserti tastieristici e soluzioni melodiche letteralmente scippate ai Bring Me The Horizon di “Sempiternal” – un signor disco per carità, le cui coordinate però sembrano un innesto forzato nel DNA dei tedeschi. Non ci fossero intermezzi come “brOKen” e “The Ocean’s Heart” saremmo davanti al disco più heavy dei Caliban da un decennio a questa parte, è un peccato vederli devolvere costantemente in una generica band modern metalcore.

TRACKLIST

  1. Paralyzed
  2. Mein schwarzes Herz
  3. Who I Am
  4. Left For Dead
  5. Crystal Skies
  6. Walk Alone
  7. The Ocean’s Heart
  8. brOKen
  9. For We Are Forever
  10. Inferno
  11. No Dream Without A Sacrifice
  12. Hurricane
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.