CALIBAN – Say Hello To Tragedy

Pubblicato il 28/08/2009 da
voto
5.5
  • Band: CALIBAN
  • Durata: 00:49:41
  • Disponibile dal: 21/08/2009
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Non si può negare ai Caliban la straordinaria etica lavorativa, che li ha portati a una prolificità invidiabile, a innumerevoli date in giro per l’Europa con i maggiori nomi del settore, e, in ultimo, a consegnare alla nuova label Century Media questo nuovo capitolo discografico. “Say Hello To Tragedy” è un proseguo diretto dell’ultimo “Awakening”, senza alcun tipo di variante stilistica, lirica, attitudinale. Un immobilismo totale, che congela i riff metalcore, i breakdown, i blast beat quanto le contrastanti melodie in clean vocals che hanno consacrato i tedeschi nella scena europea, ignorando qualsiasi tipo di adattamento al trend del deathcore ma rendendo, di fatto, impossibile anche qualsiasi tipo di evoluzione. Formalmente non ci è possibile criticare brani come “24 Years”, “Caliban’s Revenge” o “No One Is Safe”, essendo comunque basati, come il resto della raccolta, su un songwriting solido e ultra collaudato. Anche i suoni, figli della produzione dell’abile Benny Richter e del guru Adam Dutkiewicz (Killswitch Engage), sfonderanno piacevolmente le casse dei vostri impianti. Il problema è che, ad ascolto ultimato, resta una grave sensazione di vacuità, futilità, inconsistenza, che non può che allontanare gli ascoltatori più smaliziati o coloro che attendono, oramai invano, le emozioni toccate dalla formazione dai picchi di “Vent”. Nei giorni in cui il metalcore sta arrancando solo i migliori riusciranno a sopravvivere, con uscite del genere i Caliban non potranno che popolare le liste dei caduti.

TRACKLIST

  1. 24 Years
  2. Love Song
  3. Caliban’s Revenge
  4. End This Sickness
  5. Walk Like the Dead
  6. No One is Safe
  7. Liar
  8. The Denegation of Humanity
  9. Unleash Your Voice
  10. All I Gave
  11. In the Name of Progression
  12. Coma
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.