CALLEJON – Hartgeld Im Club

Pubblicato il 18/01/2019 da
voto
7.0
  • Band: CALLEJON
  • Durata: 00.59.15
  • Disponibile dal: 04/01/2019
  • Etichetta:
  • Century Media Records
  • Distributore: Sony

Spotify:

Apple Music:

Avevamo perso di vista i Callejon nel 2008, quando staccarono un assegno a Nuclear Blast per il secondo album in studio “Zombieactionhauptquartier”, che a parte “Porn From Spain” e l’azzeccato presentimento che li avremmo rivisti su un’infinità di cartelloni tedeschi non ci aveva lasciato molto. Senza troppe ambizioni internazionali la band di Düsseldorf è diventata in un decennio una piccola autorità in patria, e arriva all’ottavo album in studio, questo “Hartgeld Im Club”, forte di una conquistata confidenza che gli permette una copertina shock dove un black metaller limona duro con un rapper. Pure il contenuto non scherza: parliamo di 13 cover di pezzi hip hop in versione metal, dove incredibilmente figura anche l’Original Gangster Ice-T. Chi si aspetta qualcosa di simile ai Body Count rimarrà sicuramente deluso: il disco contiene moltissimo rap in tedesco, ma la controparte musicale, nonché i ritornelli, sono figli della sempre più sbracata indole dei tedeschi, che devoti al party infilano le più svariate influenze nel loro metalcore ‘sotto effetto stono’. Immaginate un misto di Caliban, Papa Roach, Blessed By A Broken Heart, Lindemann, In Flames più tamarri e Dragonforce (!) alle prese con la scena rap ‘made in Deutschland’. Una ricetta tanto esagerata da far impallidire qualsiasi Fronzilla, una serie di riferimenti da fare bruciare la pelle di un metallaro più dell’acqua santa. Eppure in qualche modo, per la scellerata sfacciataggine, per la grandissima esperienza accumulata, per l’incoscienza e la voglia di divertirsi e divertire ma soprattutto per il fatto di non prendersi sul serio, la raccolta – se presa senza alcuna pretesa e per il solo scopo di divertimento – funziona. Basta ascoltare “Von Party zu Party” nella versione originale delle SXTN per capire come degli originali sia rimasta solo l’ombra, un hook o un retaggio della base che viene dilaniata nelle maniere più fantasiose possibili dal quintetto di cazzoni. Stessa sorte per le hit di Sido, Marteria e Casper. Memorabile “Porn From Spain 3”, che oltre al fidato collaboratore K.I.Z vede l’ospitata di Ice-T in un brano che musicalmente è un capitolo a sé rispetto ai suoi predecessori ma ne è accomunato per l’attitudine. I Callejon dimostrano una grande capacità di fare crossover, puntando più sull’uptempo che sul groove come i micidiali Anthrax coi Public Enemy: questo è il disco più stordente, idiota, maleducato e schifosamente superficiale che avrete piacere di ascoltare ultimamente… se vi approcciate con la giusta attitudine ovviamente. In caso contrario preparate il lanciafiamme!

TRACKLIST

  1. Von Party zu Party
  2. Schlechtes Vorbild
  3. Kids (2 Finger an den Kopf)
  4. Palmen aus Plastik
  5. Was Du Liebe nennst
  6. Willst du
  7. Arbeit nervt
  8. Urlaub fürs Gehirn
  9. So perfekt
  10. Bros
  11. Ich rolle mit meim Besten
  12. Hartgeld im Club - feat. Antifuchs & Pilz
  13. Porn from Spain 3 - feat. K.I.Z. & Ic
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.