CANTATA SANGUI – On Rituals And Correspondence In Constructed Realities

Pubblicato il 06/03/2009 da
voto
7.0
  • Band: CANTATA SANGUI
  • Durata: 00:46:09
  • Disponibile dal: 26/01/2009
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Piuttosto particolare la proposta dei Cantata Sangui, formazione finnica nata ben dodici anni fa ma giunta solo ora al debutto discografico: il gruppo non fa uso di chitarre! Fondata da due bassisti di estrazione metal/fusion, ma presto diventata a tutti gli effetti esponente di un avant-gothic metal sporcato da doom, black ed elettronica, la band esordisce in modo più che discreto con questo notevole “On Rituals And Correspondence In Constructed Realities”, disco che, se da una parte strizza l’occhio alla corrente del female-fronted metal – la predominanza del sinuoso cantato femminile di Anna Pienimaki ne dà conferma – dall’altra si fa alfiere di una poco comune ricerca compositiva paragonabile a quella di gruppi quali Madder Mortem, The Provenance, Ava Inferi o, se ripercorriamo le spire del passato, Orphanage e certi Therion. L’assenza delle chitarre, credeteci, non si fa sentire minimamente: i due bassi, accordati e prodotti alla perfezione, di Myka A.A. Hyytinen (anche vocalist) e Tuomas Tunturituuli sferragliano ed imperversano per tutta la durata del disco, fra assoli mai eccessivamente virtuosi (solo un po’ di slap in “The Seven Liers-In-Wait” e la strumentale atmosferica “Reality”), groove marziali, dinamici e potenti e accelerazioni blackish improvvise. Notevole anche l’uso delle tastiere e dei synth, elemento gothic in questo caso mai usato in modo pacchiano e sempre ben centrato all’interno di un album che si proietta in un’oscurità d’ombra sia musicale che lirica, grazie ai testi ‘da Arte Oscura’ che promulga la band. La prima parte della tracklist è davvero molto bella, con Anna che si fa notare per linee vocali ricercate, ad esempio in “Exaltata” e “Fruitarians”, oppure per chorus strepitosi (“Broken Stars” e “We’ll Have It On Us”); il lavoro scade un po’ col proseguire dei minuti, quando “Sidecast” e “Lazarus” arrivano a smorzare l’entusiasmo generato dall’ottima “No Longer In The Eyes Of Aletheia”, dal ritornello trascinante. Chiude l’incedere grave ed ecclesiastico di “De Profundis”. Insomma, se per female-fronted metal intendete non solo le commercialate à la Epica/Within Temptation, ma anche soluzioni più personali – rileggetevi le band citate sopra – allora i Cantata Sangui, ponendosi a metà strada, dovrebbero intrigarvi alquanto. Resta solo da chiedersi come si muoverà la band in futuro, dato che i due membri fondatori – sebbene già sostituiti – hanno entrambi abbandonato la barca…

TRACKLIST

  1. In Half – Light
  2. We’ll Have It On Us
  3. Exaltata
  4. Broken Stars
  5. For The Forgotten One
  6. Fruitarians
  7. The Seven Liers-in-wait
  8. Reality
  9. No Longer In The Eyes Of Aletheia
  10. Sidecast
  11. Lazarus
  12. De Profundis
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.