CARACH ANGREN – Death Came Through A Phantom Ship

Pubblicato il 01/04/2010 da
voto
5.0
  • Band: CARACH ANGREN
  • Durata: 00:43:47
  • Disponibile dal: 26/02/2010
  • Etichetta: Maddening Media
  • Distributore:

Gli olandesi Carach Angren sono una piccola realtà che accompagnerà i Dark Funeral nel prossimo tour. In maniera riduttiva potremmo definire il genere suonato da questo terzetto liquidandolo come semplice symphonic black metal. La radice del loro sound in effetti è figlia di realtà quali Emperor e Dimmu Borgir in larga parte, con questo riffing affilato e veloce, rincorso da blast beat martellanti e tastiere di matrice classica a farla da padrone. Tuttavia le loro composizioni mirano ad essere variegate, spaziando in sonorità molto particolari che a tratti finiscono nel folk. Il coraggio e l’intraprendenza dei nostri è apprezzabile, in un certo qual modo, è giusto non fossilizzarsi nei soliti quattro schemi che racchiudono un genere musicale e lo incanalano nel suo corso come acqua nel letto di un fiume. Problema è che, con tutta la libertà mentale di cui siamo stati capaci, proprio non siamo riusciti a trovare nei Carach Angren una dinamicità che ci abbia permesso di ascoltare le loro tracce senza avere l’impressione di sentire riff spaiati buttati in mezzo a strutture sincopate imbastite alla meno peggio più per sorprendere che per dare un senso compiuto ad una composizione degna di questo nome. Ma quel che ha fatto pendere l’ago della bilancia verso l’insufficienza di questo disco è, forse, la nostra impossibilità di capire queste architetture barocche e classicheggianti che, nei loro episodi più spensierati e gioviali, decisamente stridono con quello che è il cantato di Seregor, che comunque non rinuncia a fare il cattivone alternando scream e growl senza soluzione di continuità e, forse, con una cognizione di causa abbastanza discutibile. Magari a qualche amante di sonorità più istrioniche “Death Came Through A Phantom Ship” potrà sembrare un disco piacevole, coraggioso e ricco di inventiva. Chi scrive preferisce la semplicità a questo tipo di sperimentalismo che ci è sembrato il più delle volte forzato e privo di una vera personalità.

TRACKLIST

  1. Electronic Voice Phenomena
  2. The Sighting is a Portent of Doom
  3. And the Consequence Macabre
  4. Van der Decken's Triumph
  5. Bloodstains on the Captain's Log
  6. Al Betekent Het Mijn Dood
  7. Departure Towards a Nautical Curse
  8. The Course of a Spectral Ship
  9. The Shining was a Portent of Gloom
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.