CARINOU – Bound

Pubblicato il 13/04/2004 da
voto
6.0
  • Band: CARINOU
  • Durata: 00:43:45
  • Disponibile dal: 29/03/2004
  • Etichetta: Code666
  • Distributore: Audioglobe

Uhm…davvero molto difficile recensire il debut-album di tali Carinou, strano terzetto proveniente dalla Svezia e formatosi addirittura meno di un anno fa. Questo progetto, infatti, è il risultato della collaborazione artistica tra il cantante/chitarrista Fredrik Soderlund, noto principalmente per i suoi trascorsi nei Puissance, e Maggie Elfving, una fra le più talentuose programmer della scena elettronica scandinava, nonché autrice di qualche backing vocals per i famosissimi connazionali The Ark; al duo suddetto non rimane altro che aggiungere la vocalist Sofie Svensson, ed ecco composti i nostri Carinou! Dunque, tanto per confondere subito le idee, essi stessi definiscono la loro proposta usando il concetto piuttosto ampio di “negative metal”…mah, noi non crediamo sia utile soffermarsi più di tanto su una definizione di tale portata, interpretabile decisamente con diversi significati; per quello che ci è dato di sentire, la musica della band risente in maniera quantitativamente paritaria dei background di provenienza dei due membri principali, per cui, riff mai troppo violenti e mai troppo veloci (e a volte ricordanti i Katatonia più psichedelici e stranianti) si fondono con parti campionate, basi e sintetizzatori, atti a donare all’intero platter un sentore di accessibilità realmente marcato. Tutto ciò che fuoriesce dalle casse dello stereo, escluse le voci e le chitarre, è frutto di strumentazione elettronica, di stampo dark/gothic la maggior parte delle volte, strizzante l’occhio a correnti elektro-pop nelle rimanenti occasioni: in base a ciò, sembra chiaro come i brani si attestino su coordinate decisamente mainstream, vicine a quelli che possono essere gli standard compositivi di gruppi quali i Placebo. Non spaventatevi, però, in quanto dosi di metallo, seppur mitigate, sono comunque presenti all’interno di “Bound”, ben apprezzabili in track quali l’opener “Vivid”, le carinissime (quale aggettivo usare se non questo, parlando dei Carinou?) “Trust” e “Mistress”, oppure nella ritmata title-track, la quale tramuta la band in questione in degli …And Oceans molto più tranquilli e solari. Dove il combo sembra riuscire decisamente meglio, paradossalmente, è proprio nei brani più contaminati, anzi, addirittura in “Alone” e “Carinou” sfodera due piccoli gioielli musicali, soffusi, tristi e dolcissimi, basati su arrangiamenti minimali e con la delicata voce di Soderlund a declamare lente ninna-nanne. Ecco, proprio la voce di Soderlund, soprattutto nelle composizioni più vivaci, lascia molto a desiderare, a causa del timbro nasale e fastidioso che la contraddistingue, mentre l’apporto della Svensson rimane costantemente dietro le quinte. Non so quali e quanti sentimenti negativi si celino all’interno dei Carinou, fatto è che, dall’ascolto del disco (sentire, in tal senso, la ballabilissima “Chris”), si esce poco turbati e per niente depressi…che siano le lyrics a sconvolgere? Non ci è dato saperlo, quindi salviamo in corner il trio in questione, con uno stiracchiato sei, e consigliamo un ascolto obbligatorio e preventivo, prima di eventuali spese inutili. Passiamo ad altro…  

TRACKLIST

  1. Vivid
  2. Purge
  3. Whore
  4. Alone
  5. Trust
  6. Bound
  7. Mistress
  8. Carinou
  9. Chris
  10. Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.