CARNAL TOMB – Abhorrent Veneration

Pubblicato il 26/07/2019 da
voto
7.5
  • Band: CARNAL TOMB
  • Durata: 00:44:51
  • Disponibile dal: 26/07/2019
  • Etichetta: Testimony Records
  • Distributore:

A tre anni di distanza dal debut album “Rotten Remains”, i Carnal Tomb sbarcano in casa Testimony Records con il secondo disco della loro carriera. I death metaller tedeschi sin qui sono rimasti tutto sommato nelle retrovie, non riuscendo a godere dello stesso hype che ha invece baciato altre formazioni simili, ma probabilmente le cose inizieranno a cambiare dopo l’uscita di questo nuovo lavoro, alfiere di un songwriting dal respiro più ampio e di un’interpretazione certamente più personale. Senza dubbio, “Abhorrent Veneration” riprende stilisticamente il percorso lasciato in sospeso con il primo album, utilizzando come fondamenta il death metal putrido e ciondolante caro agli Autopsy di “Mental Funeral”, tuttavia l’incedere stentoreo di alcuni midtempo e la vigorosità di certi riff portanti iniziano ora a ricordare i Grave dei primi due dischi, mentre delle digressioni strumentali particolarmente sinistre arrivano a scandagliare fondali doom, trasformando canzoni in principio esuberanti in evanescenti jam che fluiscono su tonalità sempre più amare e desolanti.
Nonostante i Carnal Tomb siano apprezzati e conosciuti soprattutto fra gli amanti del moderno filone old school più schietto e diretto, grazie in primis al taglio Swedish del debut album (dopo tutto anche il loro nome è ispirato ad un brano di “Pieces” dei Dismember), in questo caso a risultare più efficaci e interessanti sono le esplorazioni musicali più pesanti e drammatiche, dove i registri arrembanti vengono alternati a trame maggiormente ragionate e dalla struttura ben definita, le quali possono ricordare ora i Vanhelgd, ora i Paradise Lost di “Lost Paradise”. Certo, il tutto resta sempre e comunque avvolto da una produzione sporca che tende a sottolineare soprattutto i momenti più crudi, ma è piuttosto semplice notare come la durata media dei brani si sia allungata per fare spazio a degli sviluppi elaborati e che le due chitarre ora riescano a disegnare regolarmente qualche mantra inquieto ed oscuro, gettando sullo sfondo ombre minacciose che conferiscono ulteriore spessore all’opera.
“Abhorrent Veneration” apre dunque scenari futuri per la band: che sia arrivato il momento di mettere da parte del tutto i pezzi più lineari e diventare un gruppo ancora più sfuggente? Chissà… intanto la via di mezzo di questo secondo album è sicuramente interessante e ci porta a rivalutare non di poco la portata dei Carnal Tomb.

TRACKLIST

  1. Putrid Fumes
  2. Abhorrent Veneration
  3. Cryptic Nebula
  4. Amid the Graves
  5. Dissonant Incubation
  6. Feeding Mold
  7. Sepulchral Descent
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.