CARNATION – Where Death Lies

Pubblicato il 10/09/2020 da
voto
7.0
  • Band: CARNATION
  • Durata: 00:40:33
  • Disponibile dal: 18/09/2020
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Abbiamo incrociato i Carnation per la prima volta all’altezza del loro debut album “Chapel of Abhorrence”, disco che li ha portati a suonare un po’ ovunque e a farsi segnalare anche in appuntamenti importanti come la crociera 70.000 Tons of Metal o il britannico Damnation Festival. Il nuovo “Where Death Lies” arriva dunque dopo un’attività concertistica molto intensa e, non a caso, vede il gruppo belga spingere spesso su strutture ficcanti e arie anthemiche che – Covid permettendo – dovrebbero rendere al meglio quando riproposte in sede live. A livello prettamente stilistico, in ogni caso, i ragazzi di Anversa continuano sul percorso di sempre, combinando in maniera consapevole elementi di diversi filoni death metal legati soprattutto alla vecchia tradizione dei primi anni Novanta. Il sound oscilla ancora una volta tra una resa sonora e un’attitudine vicine alla scuola di Stoccolma e qualche guizzo più tecnico e serrato riconducibile ai classici americani, unitamente a tutto ciò che immaginate possa starci in mezzo senza snaturare una proposta che sempre e comunque sa di revival. “Where Death Lies”, tuttavia, mostra anche un’evoluzione per quanto riguarda timbro e atmosfera: nonostante alcuni brani siano particolarmente orecchiabili nello sviluppo – vedi l’ottima titletrack – il disco vede i Carnation optare con maggiore insistenza per un suono più cupo e una produzione ‘vintage ma al passo coi tempi’ che chiamano direttamente in causa i Bloodbath, in particolare quelli dei lavori con Mikael Åkerfeldt e Peter Tägtgren alla voce. Di certo, insomma, non si può parlare della musica della band come di una proposta che non teme paragoni e similitudini: le allusioni ci sono e sono chiare, ciononostante l’insieme riesce comunque a rivelarsi fruibile e coerente, oltre a regalare qualche episodio decisamente frizzante che dona ulteriore piacevolezza all’ascolto. Come quello dei Necrot – volendo citare un altro nome di recente salito alla ribalta – questo è death metal di sostanza, per certi aspetti senza grandi pretese, ma concepito e suonato con cura da musicisti generosi.

TRACKLIST

  1. Iron Discipline
  2. Sepulcher of Alteration
  3. Where Death Lies
  4. Spirit Excision
  5. Napalm Ascension
  6. Serpent’s Breath
  7. Malformed Regrowth
  8. Reincarnation
  9. In Chasms Abysmal
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.