CARNIFEX – Slow Death

Pubblicato il 01/08/2016 da
voto
6.5
  • Band: CARNIFEX
  • Durata: 00:37:20
  • Disponibile dal: 08/05/2016
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Giunti alla sesta prova sulla lunga distanza, i Carnifex dimostrano di essere ancora lontani dal conquistare i vertici del movimento death-core (stabilmente presieduti dagli amici Despised Icon, Suicide Silence e Whitechapel), sfoggiando però una vena creativa che in pochi si sarebbero aspettati dopo gli scialbi “Until I Feel Nothing” e “Die Without Hope”. “Slow Death”, fatta eccezione per un artwork dalla banalità disarmante, si configura infatti come un album scorrevole e divertente, improntato sulla cura delle ritmiche – mai così variegate – e sulla vivacità del guitarwork, che per l’occasione torna a flirtare insistentemente con l’immaginario Swedish black metal di Naglfar e Dark Funeral. Meno -core e breakdown ad oltranza, più dinamismo e apertura mentale: sono queste le prerogative dei Carnifex 2016, i quali sembrano essersi finalmente stancati delle strutture raffazzonate e posticce che ne avevano fin qui contraddistinto la carriera. Certo, nel corso della tracklist non mancano i soliti, evitabilissimi filler da pilota automatico inserito (in questo caso rispondenti al nome di “Pale Ghost” e “Black Candles Burning”), ma a prevalere è comunque un senso di brio che non si percepiva dai tempi del promettente esordio “Dead in My Arms”, tradotto in una convincente fusione di riff scandinavi e americani, in cambi di tempo ben assestati e in sinistre parentesi atmosferiche. D’altronde, basterebbe confrontare le sole “Dark Heart Ceremony”, “Necrotoxic” e “Countess of the Crescent Moon” con una qualsiasi delle vecchie ‘hit’ per rendersi conto delle migliorie avvenute in sede di songwriting, che senza offrire colpi di genio (Scott Lewis e soci rimangono pur sempre un gruppo di seconda fascia) riesce finalmente ad attestarsi su livelli fruibili e decorosi. Perseverare, alle volte, paga. Speriamo non sia solo l’ennesimo fuoco di paglia.

TRACKLIST

  1. Dark Heart Ceremony
  2. Slow Death
  3. Drown Me in Blood
  4. Pale Ghost
  5. Black Candles Burning
  6. Six Feet Closer to Hell
  7. Necrotoxic
  8. Life Fades to a Funeral
  9. Countess of the Crescent Moon
  10. Servants to the Horde
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.